LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Adempimenti di rito

Porto Azzurro, consiglio comunale: il resoconto

Per quanto riguarda l’approvazione delle linee programmatiche della loro attività, la votazione ha visto, naturalmente, il nostro voto contrario.

Porto Azzurro, pubblicato il bando "Pacchetto scuola 2021/2022"

Da Enrico Tonietti Consigliere Comunale, Gruppo Idea Comune Porto Azzurro

Breve resoconto del Consiglio Comunale di ieri; si trattava perlopiù di adempimenti di rito, quali la convalida degli eletti, il giuramento del Sindaco, la nomina dei componenti delle commissioni obbligatorie di legge.

Gli atti politici riguardavano la composizione della giunta comunale e sono state confermate le indiscrezioni: assessori sono stati nominati Marcello Tovoli (vicesindaco con incarichi relativi a Polizia Urbana, traffico e viabilità, comunicazione, catasto, recupero patrimonio pubblico, ristrutturazione edilizia), Marco Matacera (demanio, porto, approdo turistico e ormeggi, sport), Daniela Galletti (arredo e decoro urbano) e Gisella Guelfi (associazionismo, cultura, scuola, sociale, ambiente e territorio, protezione civile e antincendio, spettacolo e promozione turistica).
Il punto sulla nomina del Presidente del Consiglio Comunale è stata rinviato alla prossima seduta. Infine, per quanto riguarda l’approvazione delle linee programmatiche della loro attività, la votazione ha visto, naturalmente, il nostro voto contrario.

Tutta la seduta, nonostante la buona partecipazione di pubblico, si è svolta in un clima freddo, quasi come fosse un adempimento fastidioso, ma giustamente il Consiglio non è un party. Ci sono stati, è vero, i complimenti per tutti gli eletti, più “dovuti” che sentiti. Ma non chiediamo certo né sorrisi né approvazioni. Il rispetto, quello sì, quello ci è dovuto, anche se come principio (con la mancata messa a disposizione, nei tempi previsti dal regolamento, della cartellina di maggior interesse e con l’inizio del Consiglio Comunale con considerevole ritardo) direi che non ci siamo ma, se ci fosse la volontà, si potrebbe migliorare.
Se ci fosse la volontà, appunto.

Più informazioni