Quantcast
"Giornate Europee dell’Archeologia", c'è anche Villa delle Grotte - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Laboratorio didattico

“Giornate Europee dell’Archeologia”, c’è anche Villa delle Grotte

Partendo dalla lettura di racconti ambientati nell’antica Roma, verranno illustrati giochi e abitudini nati al tempo dei romani ed ancora vivi ai nostri giorni.

Sabato 22 maggio laboratorio didattico alla Villa romana delle Grotte
- Foto d'Archivio
Da Cosimo De Medici Srl
La Villa romana delle Grotte parteciperà anche quest’anno alle Giornate Europee dell’Archeologia. Domenica 19 giugno, alle ore 18:30, si terrà il laboratorio didattico, consigliato a bambini di età compresa tra i 5 e i 10 anni, dal titolo “Raccontami una Storia!”. Partendo dalla lettura di racconti ambientati nell’antica Roma, verranno illustrati giochi e abitudini nati al tempo dei romani ed ancora vivi ai nostri giorni. All’accoglienza seguirà un momento di lettura di più storie che faranno scoprire ai piccoli partecipanti consuetudini e curiosità che riguardano il mondo degli antichi romani. Al termine della lettura, verrà lasciato spazio al dialogo e si risponderà a tutte le loro curiosità.
Nella seconda fase del laboratorio, i bambini potranno esercitare tutta la loro fantasia inventando una loro storia. Per poter fare questo verranno forniti loro alcuni elementi da cui partire (personaggi, animali, oggetti etc.) e sui cui poter costruire un racconto. Attraverso la tecnica del collage, guidati dall’operatore che fornirà loro il materiale didattico, i bambini daranno forma e personalizzeranno la loro narrazione.
Per prenotarsi è possibile scrivere all’indirizzo mail villadellegrotte@gmail.com oppure potete scrivere sulla pagina Facebook Villa romana delle Grotte (contributo 5 euro a famiglia).
Gli incontri alla Villa romana delle Grotte sono organizzati dalla Fondazione Villa romana delle Grotte, con il sostegno della Fondazione Wissenschaftsförderung GmbH, la direzione scientifica di Archeologia Diffusa Aps e i ricercatori dell’Università di Siena, con il coordinamento del Sistema Museale dell’Arcipelago Toscano, dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Portoferraio e l’associazione culturale Italia Nostra Arcipelago Toscano.