Quantcast
Capoliveri, invariata la tassa sui rifiuti - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Decisioni prese

Capoliveri, invariata la tassa sui rifiuti

Gianluca Carmani: “Interventi necessari per sostenere famiglie ed imprese. Le fasce deboli, pertanto, non pagheranno alcun tributo per l'addizionale comunale".

Capoliveri, convocato il prossimo Consiglio Comunale

Si è tenuta ieri, martedì 31 maggio, a Capoliveri la seduta in sessione straordinaria del Consiglio comunale nel corso della quale sono state adottate decisioni in ordine a Tari ed Irpef ed è stata anche approvata la convenzione con la Pro Loco Lacona per servizi da svolgersi sul territorio.

“Con la seduta di ieri, il Consiglio Comunale ha mantenuto stabili le tariffe per la tassa sui rifiuti, e quindi anche per il 2022 tutto resta invariato”. Ha spiegato il presidente del Consiglio Comunale di Capoliveri con delega ai tributi Gianluca Carmani. “Un grande sforzo è stato compiuto dall’amministrazione comunale – spiega Carmani – visto l’incremento dei costi del periodo che stiamo vivendo. Nonostante, dunque, il piano dei costi da coprire con il nuovo metodo ARERA, l’Amministrazione Comunale è riuscita a coprire le spese e ad evitare incrementi sulle tariffe per famiglie ed imprese. Le tariffe della Tari non sono più un’autonoma ed esclusiva scelta amministrativa dell’Ente, – continua Carmani – ma deve essere vagliata tenuto conto del piano dei costi che deve trovare l’integrale copertura con il tributo, come calcolato da ARERA. Ed il Comune deve uniformarsi ad esso. Inoltre variazioni sono state introdotte per l’addizionale comunale: in questo caso è stata introdotta una fascia di esenzione dall’imposta per i contribuenti con reddito sino a 8.174 euro. Le fasce deboli, pertanto, non pagheranno alcun tributo per l’addizionale comunale. Un ulteriore obiettivo raggiunto – sottolinea Carmani – che va ad aggiungersi alla riduzione dell’IMU 2022 già deliberata nel Dicembre scorso.

Il percorso intrapreso dall’amministrazione comunale, volto ad armonizzare la spesa pubblica e quindi il bilancio, che non si basa più su un gettito tributario spinto dalle aliquote massime o elevate, comincia a dare i primi risultati, resi possibili anche e soprattutto alla leale collaborazione dei cittadini Capoliveresi. L’amministrazione deve gestire le finanze con oculatezza, spendendo le risorse disponibili e attuabili, senza chiedere continuamente il massimo ai contribuenti.

Ricordiamo – prosegue Carmani – che il 16 giugno prossimo scadrà la I rata IMU, e invitiamo i nostri concittadini ad onorare i propri impegni con puntualità e rigorosità, in conformità alla normativa tributaria vigente. Nel 2022, è stata definitivamente risolta la questione della scissione dei nuclei familiari, ogni nucleo pertanto, potrà solo ed esclusivamente scegliere una dimora abituale.

Si ricorda, inoltre – conclude Carmani – che i contribuenti in difficoltà possono sempre rivolgersi all’Ufficio Tributi del Comune, per la rateizzazione, anche in più periodi, dei debiti tributari verso l’ente.