LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Collaborazione

Anpas e Fiamme Gialle: nel May Days attività addestrativa in cielo e in mare

Al termine delle prove, si è svolta una breve attività di debriefing al campo base allestito dai volontari.

anpas toscana - fiamme gialle

Da Anpas Toscana

Anpas Toscana e Fiamme Gialle consolidano il loro rapporto di collaborazione per il soccorso e l’assistenza in caso di emergenza. Nei giorni del May Days all’Isola d’Elba si è tenuta un’esercitazione autorizzata dal comando Generale della GdF con lo scopo di affinare la collaborazione tra Fiamme Gialle e volontari di Pubblica Assistenza; agire sul campo per affinare l’interoperabilità, avere un’occasione di confronto sulle criticità relative a un intervento in area operativa e in emergenza.

All’esercitazione hanno preso parte la Sezione Aerea della GdF di Pisa comandata dal Ten. Col Massimo Anedda che ha impiegato un elicottero AB412 e la Sezione Operativa Navale di Portoferraio comandato dal Ten. Luca Boz che ha impiegato una motovedetta classe 2000. Il coordinamento delle operazioni di volo è stato affidato al comandante del Nucleo Operativo della Sezione Aerea di Pisa, Ten. Giuseppe Cataldo mentre quelle sulla motovedetta direttamente dal comandante Luca Boz.

In tutto hanno partecipato 50 volontari di Anpas Toscana, hanno assistito davanti alla spiaggia delle Ghiaie alle lezioni teoriche incentrate sulla conoscenza dell’elicottero e della motovedetta, su come imbarcare e sbarcare in maniera sicura, su come interagire al meglio con l’equipaggio dei due mezzi. Successivamente i volontari si sono spostati nell’area dove era atterrato l’elicottero per proseguire l’attività di addestramento e prendere familiarizzazione a freddo (con l’elicottero spento) su come salire e scendere in sicurezza e successivamente si è passati alla simulazione di una attività operativa che ha visto impegnati 22 volontari in 6 voli che hanno previsto l’imbarco e lo sbarco dal campo di Rugby di San Giovanni. L’attività con il reparto navale ha previsto la simulazione di un imbarco e sbarco di un paziente immobilizzato su una tavola spinale con partenza dal molo Gallo (porto mediceo) e lo sbarco su un pontile mobile sempre del porto mediceo di Portoferraio.

Al termine delle prove, si è svolta una breve attività di debriefing al campo base allestito dai volontari; gli equipaggi delle unità aeree e navali hanno ì infine partecipato insieme a tutti gli oltre 400 volontari presenti all’Elba per l’annuale incontro di Anpas Toscana, alla cena durante la quale è stata fatta una pianificazione di massima delle attività addestrative da svolgere nei prossimi mesi in collaborazione tra GdF e ANPAS Toscana.