Quantcast
Parte il progetto 'Gruppi di cammino' - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Medicina dello sport

Parte il progetto ‘Gruppi di cammino’

Giovedì 12 maggio il ritrovo dei partecipanti è previsto alle 16.45 in viale Manzoni.

comune, portoferraio (ph wikipedia)

Dal comune di Portoferraio

Con la prima passeggiata nel centro storico della città, in programma giovedì 12 maggio, parte anche all’Elba il progetto ‘Gruppi di cammino’ promosso dal Dipartimento di Medicina dello Sport di Livorno e dalla zona distretto Elba dell’Asl Toscana Nord Ovest in collaborazione con il Comune di Portoferraio e realizzato con il contributo dei volontari dell’Auser.

I dettagli organizzativi sono stati messi a punto ieri mattina in un incontro al quale hanno preso parte il vicesindaco con delega al sociale Luca Baldi, la responsabile locale dei servizi sociali dell’Asl Anna Garfagnini ed una delegazione dell’Auser portoferraiese guidata dal suo presidente Giancarlo Pacini. Giovedì 12 maggio il ritrovo dei partecipanti è previsto alle 16.45 in viale Manzoni (davanti all’ingresso del parco pubblico delle Ghiaie) da dove, alle 17, partirà la ‘camminata’ con destinazione la zona del Grigolo. Quest’ultima sarà raggiunta percorrendo via Vittorio Emanuele, Calata Mazzini, via delle Galeazze e via dell’Amore con successivo ritorno in viale Manzoni seguendo lo stesso tracciato.. Ad accompagnare i partecipanti saranno i volontari dell’Auser che hanno frequentato nei giorni scorsi un apposito corso per ‘Walking Leader’ organizzato dall’Asl. Per partecipare ai ‘Gruppi di cammino’, destinati in particolare alle persone della terza età, è necessario contattare l’Auser nelle persone di Giancarlo Pacini e Paolo Andreoli ai numeri telefonici 3358421027 e 3925522258. Il progetto ‘Gruppi di cammino’ ha l’obiettivo di favorire la diffusione dell’attività fisica e al contempo di creare momenti di aggregazione e socializzazione. Il tutto con attività semplici, facilmente organizzabili e praticabili anche in contesti con modesta disponibilità di risorse economiche, che non richiedono l’utilizzo di particolari abilità, equipaggiamento o strutture.

“Abbiamo sposato volentieri questo progetto – dice il vicesindaco Luca Baldi – perla sua importante valenza sia sotto l’aspetto della forma fisica e della prevenzione che sotto il profilo sociale. Camminare in compagnia può infatti aiutare a rimanere o tornare in salute, ma può essere anche di aiuto a livello psicologico alla luce dell’occasione di socializzazione che una camminata di gruppo comporta”.