Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Festival

“Elba Isola Musicale d’Europa”: sì a russi e ucraini provenienti da altri Paesi

"Crede fermamente che la musica sia un fondamentale veicolo di diffusione di messaggi di pace e di invito al dialogo tra i popoli".

Generico aprile 2022

Da Elba Isola Musicale d’Europa

A seguito di quanto apparso su alcune testate giornalistiche e su canali social, successivamente alla conferenza stampa di anticipazioni della prossima edizione di “Elba Isola Musicale d’Europa”, si precisa che il Festival ospiterà, anche quest’anno, musicisti russi, ucraini e provenienti da altri Paesi. Non è intenzione di “Elba Isola Musicale d’Europa”, così come non lo è mai stata in precedenza, operare distinzioni di nazionalità, anche e soprattutto alla luce del drammatico momento che il mondo sta attraversando.

“Elba Isola Musicale d’Europa” crede fermamente che la musica sia un fondamentale veicolo di diffusione di messaggi di pace e di invito al dialogo tra i popoli: in quanto manifestazione culturale di respiro internazionale, il Festival si attiene da sempre a questo spirito e continuerà a interpretarne i valori. Valori che devono essere necessariamente condivisi dagli artisti che scelgono di parteciparvi.

Si ricorda che proprio al concerto di anticipazione, svoltosi lo scorso 20 aprile al Teatro dei Vigilanti “Renato Cioni” di Portoferraio, sono intervenuti due musicisti di origine russa, il violinista Boris Garlitsky e il violista Georgy Kovalev. Gli stessi artisti saranno ospiti del Festival la prossima estate.

 

 

Più informazioni