Quantcast
Regolamento suolo pubblico, l'invito di Confesercenti agli operatori commerciali - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Commercio

Regolamento suolo pubblico, l’invito di Confesercenti agli operatori commerciali

Bergellini: "E’ molto apprezzabile comunque il fatto che l’Amministrazione si sia mostrata dialogante e disponibile ad ascoltare le categorie economiche".

dehors, suolo pubblico

Da Confesercenti Isola d’Elba

La Confesercenti invita gli operatori commerciali del paese a mettersi in regola con il nuovo Regolamento del suolo pubblico, arredi e decoro di Capoliveri.

Si tratta di uno strumento, quello uscito nelle scorse settimane, destinato ad incidere sulla fruibilità e sull’estetica del Paese – spiega Marcello Bargellini, Presidente dell’associazione – soprattutto quella delle vie e delle piazze storiche, ma potrà creare i presupposti di un positivo riscontro a vari livelli del sistema economico – D’altra parte, nella sua stesura, il Comune ha mostrato la volontà di andare incontro alle imprese, rendendosi disponibile a ritoccare in futuro aspetti del regolamento che possano creare difficoltà. Sebbene comunque – prosegue Bargellini – con il Comune, non si sia riusciti a trovare l’accordo su tutti i punti, una parte delle modifiche da noi richieste a favore delle imprese è stata accolta ed il Comune si è impegnato in ogni caso ad intervenire successivamente su eventuali criticità. E’ molto apprezzabile comunque il fatto che l’Amministrazione si sia mostrata dialogante e disponibile ad ascoltare le categorie economiche, aspetto quest’ultimo che riteniamo molto importante e che siamo certi darà buoni risultati anche in futuro”.

Bargellini conclude “evidenziando il fatto che è condivisibile l’intento del regolamento di mettere ordine ad una materia che negli anni ha creato numerosi problemi e difficoltà a cittadini e imprese; si dovrà comunque, da parte di tutti, Comune compreso, lavorare già dalle prossime settimane per affrontare alcuni punti critici e mettere in condizioni tutte le aziende, già per la stagione, di operare in modo qualitativo ed economicamente sostenibile”.