Quantcast
Kiev si prepara all'assalto russo - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Lettera al direttore

Guerra

Kiev si prepara all’assalto russo

Di Enzo Sossi

Valodymyr Zelensky, il presidente ucraino, dal bunker da dove sta guidando la resistenza all’invasione russa dell’Ucraina, l’uomo del momento, ha espresso forti dubbi sul fatto che Mosca stia prendendo sul serio i negoziati di pace. Se uno vuole la pace per prima cosa deve fermarsi, smettere di combattere, tornare al punto da dove è iniziato tutto sette, otto giorni fa. Ci sono delle cose importanti che puoi fare… se lo fai, significa che sei pronto a fare la pace, altrimenti stai solo perdendo tempo.
Zelensky ha respinto gli elogi per la sua leadership, che è tanto più straordinaria in quanto fino a pochi anni fa era un attore comico, esaltando il coraggio del suo popolo. La situazione è molto grave, non è un film, io non sono iconico, l’Ucraina è iconica. Ha rifiutato l’aiuto offerto dall’intelligence statunitense di lasciare Kiev per un luogo più sicuro – non ho bisogno di un passaggio, ho bisogno di munizioni – ed è rimasto a combattere con la sua gente.
I cittadini di Kiev si stanno preparando all’assalto russo, dopo che Mosca ha detto loro di lasciare la capitale, dopo l’attacco alla torre della televisione ucraina, dopo che un convoglio militare russo lungo 60 km si sta dirigendo in città. Il timore è che il presidente russo, Vladimir Putin, dopo che le sue speranze di una rapida vittoria sono naufragate, possa ripetere quanto accaduto a Grozny, con la barbara distruzione della capitale cecena, con attacchi missilistici e bombardamenti con l’artiglieria.
Eppure, vi sono segnali contrastanti che provengono dall’Ucraina. Esperti affermano di avere colto sintomi di un morale basso tra le truppe russe, in particolare tra i giovani coscritti che non erano consapevoli di essere stati mandati in combattimento contro un popolo slavo, come il loro, al 50% russofono.
Come tante volte in tempo di guerra, è difficile capire esattamente quale sia la verità.