LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Incontri

Foresi: si chiude la cogestione, i ringraziamenti della Dirigenza

Le tre giornate hanno visto una serrata scansione di interventi, tavole rotonde, attività laboratoriali

assemblea foresi

Dall’Istituto Statale d’Istruzione Superiore “R. Foresi”

Sono giunte al termine le tre giornate di cogestione organizzate dagli studenti del Foresi, è quindi tempo di bilanci. Poco meno di un paio di anni fa, la routine scolastica, fatta di lezioni e verifiche ma anche di tanti momenti di socializzazione (le uscite didattiche, le attività in contesti alternativi alle aule, il puro e semplice assieparsi davanti i cancelli dell’edificio scolastico) è improvvisamente scomparsa, surrogata dagli schermi e dalle attività che miracolosamente la scuola è riuscita ad organizzare a distanza. Poi il rientro, le norme di distanziamento, le quarantane e le lezioni miste (distanza e presenza). A due anni dall’inizio della pandemia, la cogestione delle attività nei giorni 22, 23 e 24 febbraio che ha coinvolto studenti, insegnanti, collaboratori, esperti esterni del mondo dell’associazionismo e delle professioni, nonché le istituzioni comunali di Portoferraio, rappresenta un riuscito tentativo di vivere una rinnovata socialità nelle aule scolastiche.

Le tre giornate, organizzate nei plessi del Grigolo e di Concia di Terra, ma a cui hanno preso parte anche gli studenti e le studentesse di Salita Napoleone, hanno visto una serrata scansione di interventi, tavole rotonde, attività laboratoriali che hanno proposto un gioioso calderone di temi globali e locali: dai problemi della scuola come istituzione, a quelli della nostra scuola, dai dibattiti sulla transizione ecologica, i diritti umani, la tragica attualità della guerra, alla contingenza dei problemi legati ai trasporti, agli spazi per i giovani, ai problemi ambientali dell’Isola.

Niente di tutto ciò sarebbe stato possibile senza l’incontro tra la scuola e il territorio, tra i rappresentanti degli studenti che hanno coordinato e gestito il programma sempre con senso di responsabilità, gli insegnanti, che in modi diversi e secondo le proprie competenze si sono messi a disposizione degli studenti, e le persone che a vario titolo sono intervenute nelle attività organizzate dai ragazzi, dai professionisti ai rappresentanti delle associazioni presenti sull’Isola. Intende ringraziare tutti coloro i quali hanno reso possibile la piena riuscita delle tre giornate, in un clima di così ampia e attiva collaborazione, la Dirigente Scolastica prof.ssa Alessandra Rando, che aggiunge come la scuola possa essere anche uno spazio di dialogo e di apertura all’incontro quando gli studenti sono protagonisti e condividono interessi e responsabilità con il resto del mondo scolastico.