Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Le ipotesi

Dose booster, sul tavolo del Governo la durata del Green Pass

Nel caso in cui la vaccinazione contro il Covid diventi cadenzata si potrebbe agire di conseguenza sulle regole di Certificazione.

Rio, servizio di diagnostica Covid in tempo reale e rilascio di certificati Green Pass

Dal 1° febbraio scatterà la riduzione della durata del Green pass da 9 a 6 mesi, ma l’Esecutivo nazionale sta già pensando a nuove soluzioni per coloro i quali hanno effettuato la terza dose ormai diverso tempo fa e si ritroverebbero a breve con la Certificazione Covid in scadenza. Stanti le cose come in questo momento, queste persone per continuare ad avere il Green Pass (ma non di certo il Super Green Pass, che viene ormai richiesto in quasi tutti gli ambiti della vita sociale, dai ristoranti, ai cinema, teatri, palestre, piscine e infine mezzi di trasporto) dovrebbero costantemente sottoporsi a tampone, esattamente come viene richiesto a una persona che non vuole vaccinarsi. Un controsenso.

Il governo è al lavoro per trovare una soluzione al problema. Si parla, a titolo d’esempio, di ritornare ad estendere la durata del Green Pass per chi ha ricevuto la dose booster fino a quando non ci saranno ulteriori indicazioni sull’andamento delle campagne vaccinali. Nel caso in cui la vaccinazione contro il Covid diventi cadenzata, come avviene per quella contro l’influenza, si potrebbe agire di conseguenza sulle regole di Certificazione, rendendole strutturali: fino a quel momento, però, sarà necessario trovare una via d’uscita per non far scadere il Green Pass di chi ha ricevuto il booster per primo.