Quantcast
Capoliveri, al Centro Congressuale il convegno "L'acqua che c'è" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Dalle 10

Capoliveri, al Centro Congressuale il convegno “L’acqua che c’è”

Gli organizzatori: "E’ importante che la popolazione dell’Isola d’Elba sia messa nelle condizioni di conoscere tutti gli aspetti legati alla realizzazione di un impianto di desalinizzazione sul proprio territorio".

A Capoliveri lavaggio e sanificazione del centro storico per tutto il mese di luglio e agosto
- Foto d'Archivio

Dall’ufficio stampa del comune di Capoliveri

Si terrà il prossimo 22 gennaio presso il Centro Congressuale De Laugier a Portoferraio, a partire dalle ore 10,00 il convegno “L’acqua che c’è”, organizzato dal nuovo Comitato in difesa di Lido e Mola costituito da Italia Nostra Sezione Arcipelago Toscano e Fondazione Isola d’Elba e in collaborazione con il Comune di Capoliveri.

“L’obiettivo del convegno” – spiegano gli organizzatori – E’ di carattere informativo e divulgativo. E’ importante che la popolazione dell’Isola d’Elba sia messa nelle condizioni di conoscere tutti gli aspetti legati alla realizzazione di un impianto di desalinizzazione sul proprio territorio. Alti esperti di settore spiegheranno, dunque, ai presenti, quali siano le conseguenze dirette e indirette della presenza di un dissalatore sul sistema ambientale di Lido e Mola all’Isola d’Elba, proponendo altresì possibili soluzioni sostenibili, alternative all’impianto”.

“Siamo fortemente convinti – spiega l’assessore all’ambiente del Comune di Capoliveri Laura Di Fazio – che informare sia la strada più giusta per far si che tutti prendano coscienza del problema dissalatore. I cittadini devono conoscere ogni aspetto di questa vicenda. Ed è importante che sappiano che esistono soluzioni alternative che potrebbero costituire la svolta per questo territorio e per risolvere i problemi idrici che da sempre affliggono quest’isola”.

“In questi giorni – commenta il Sindaco di Capoliveri Walter Montagna – sono emerse importanti novità su interventi che Asa spa ed Ait andrebbero a realizzare sul territorio della Val di Cornia per potenziare il reperimento di risorse idriche nell’area di riferimento. Anche questi sono elementi di riflessione che dovranno essere discussi e che confermano quanto sia importante non trascurare nessun aspetto al fine di addivenire ad una soluzione condivisa idonea per il nostro territorio”.