Quantcast
"Tante parole ma pochi fatti da parte del sindaco" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Opposizione

“Tante parole ma pochi fatti da parte del sindaco”

Giancarlo Galli: "Credo che la cittadinanza debba conoscere quanta ipocrisia avvolge il mondo di chi attualmente ci amministra"

"Scelta di Campo", ecco chi affiancherà Giancarlo Galli

Le festività sono passate e anche l’anno 2021 ci ha lasciato con non pochi problemi. Sicuramente la pandemia ha influito sulla vita di tutti e anche sull’azione amministrativa degli enti locali. Questo non deve assolutamente giustificare il mancato raggiungimento di obbiettivi del programma elettorale fatto conoscere in campagna elettorale e diversamente depositato nella seduta dell’insediamento”: così Giancarlo Galli capogruppo del gruppo di opposizione “Scelta di Campo”.

“Questo diciamo che fa parte del gioco? Io non credo. La serietà vuole che quanto fatto conoscere a parole sia poi tramutato in fatti. Sembra già di essere in campagna elettorale e ci si preoccupa di voler far conoscere alla popolazione ciò che sarà fatto e non quello che è stato fatto. Forse perché è meglio riempire di parole futuristiche un contenuto che di fatto in questa consiliatura è rimasto pressochè vuoto. L’attuale Sindaco di Campo nell’Elba, Montauti, nel suo intervento utilizza per il 90% delle sue esternazioni il condizionale, quasi a sottolineare di non aver realizzato nulla in questi quasi 5 anni di amministrazione se non; il completamento di alcuni lavori della rete fognaria che comunque non hanno impedito disagi e mal funzionamento delle rete (come succedeva anche prima); La sostituzione degli infissi delle scuole”.

“Il primo lotto del rifacimento della Piazza della fonte a Sant’Ilario, senza alcuna condivisione con la popolazione della Frazione stessa; Concretizzato il primo Bike Park delle Terre del Granito ma grazie ai ragazzi dell’Associazione Elba Ovest; La Torre di Campo che è stata concessa dal demanio per un periodo di 6 anni dietro un canone annuale e con l’obbligo di effettuare i lavori di consolidamento da parte del Comune. Non c’è scritto da nessuna parte che il demanio trasferisca gratuitamente l’immobile al Comune. Senza considerare che non basta il
consolidamento della Torre ma occorre programmare il consolidamento di tutta la scarpata a mare – aggiunge – In merito alla rinascita del nostro porto non sarei così ottimista. Non perché si metta in dubbio la serietà della Società a cui sono stati affidati i servizi, quanto al metodo utilizzato dall’amministrazione per produrre un bando che vincola in maniera pesante ed importante, per 12 anni, le scelte future del territorio senza aver avuto un minimo si sensibilità nel coinvolgere i soggetti che il porto lo vivono quotidianamente”.

“In questo caso l’arroganza a prevalso sulla ragionevolezza e il proprio ego ha prevalso sull’interesse pubblico.
Per quanto riguarda poi l’Isola di Pianosa al Sindaco preme evidenziare la grande sfida per il futuro e mette
in evidenza finanziamenti PON per interventi sull’acquedotto dell’isola senza pensare ad una realizzazione
seria di un impianto di depurazione delle acque. A Pianosa esistono una trentina di pozzi di acqua dolce che
avevano la funzione di dare acqua dolce giornaliera a circa 2000 persone. Basterebbe bonificare un terzo di
quei pozzi per garantire acqua dolche a tutti coloro i quali mettono piede nell’Isola. Come si può pensare di
promettere il coinvolgimento di imprese locali con posti di lavoro ai giovani senza prima aver programmato
una progettazione seria. Viene previsto, e quindi sempre per il futuro, e non per quanto fatto, l’ampliamento del cimitero della Lecciola ma non viene detto che il finanziamento per detta opera sarebbe stato di €. 300.000 stornati dal progetto di realizzazione della rotonda della Pila in concorso con la Provincia; Lavori previsti e non realizzati quelli di messa in sicurezza dell’altro cimitero di San Piero (situazione vergognosa)”.

I contributi a famiglie ed imprese per l’emergenza COVID 19 non sono frutto di contributi comunali ma finanziamenti mirati da parte dello Stato Italiano. E’ bello fare i ricchi con i soldi degli altri; Vorrei solo ricordare al Sig. Sindaco e a tutta la collettività del comune di Campo nell’Elba che non sono stati minimamente affrontati e risolti i problemi legati alla Sanità, ai servizi in generale (servizio postale, raccolta e smaltimento della Nettezza Urbana), la messa in sicurezza del Porto di Marina di Campo con la realizzazione del progetto giacente presso l’Autorità Portuale Regionale, la cura delle Frazioni del comune, i servizi del turismo e commercio (ultimo disagio il giorno del primo dell’anno con un solo esercizio pubblico aperto di prima mattina divenuti due nel corso della giornata). Per tale ultimo argomento vorrei sottolineare che le soluzioni possono essere trovate senza danneggiare economicamente nessuno. Basta programmare e concordare. Non parla di Imposte e tasse comunali. Non può parlare di questo avendo applicato il massimo delle aliquote. Ultimo per intervento ma certamene no per importanza è la questione Aeroporto. Il Sindaco volutamente non ne parla o per lui il problema non esiste? Se pensa di fare turismo solo con l’agricoltura biologica sostenibile un consiglio che dovrebbe accettare di buon grado è quello di procurarsi una bella zappa e una pala perché se per lui il futuro deve essere questo non ha alternative. Credo che la cittadinanza debba conoscere quanta ipocrisia avvolge il mondo di chi attualmente ci amministra. Il sito Istituzionale non dovrebbe essere una passarella di foto ricordo ma un punto importante per la tanto sventolata trasparenza amministrativa”.