LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

A Morcone sono nate altre 17 tartarughine marine

Scritto da Legambiente Arcipelago Toscano

A Morcone sono nate altre 17 tartarughine marine

Dall’inaspettato nido di Morcone – dove il 2 agosto c’era stato un tentativo di nidificazione di una tartaruga marina Caretta caretta che sembrava fallito – nella notte tra il 2 e il 3 ottobre sono emerse altre 17 tartarughine marine.

La prima, solitaria è stata avvistata dalla guida parco e volontario di Legambiente Roberto Barsaglini intorno alle 18,30 del pomeriggio, poi ne è uscita un’altra alle 19,30 e tre 4 minuti dopo, accolte festantemente da un gruppo di turisti stranieri e italiani che venivano tenuti a debita distanza. Una delle tartarughine ha fatto un capitombolo da uno “scalino” formato dalla posidonia oceanica spiaggiata, restando pancia all’aria, ma poi è riuscita a raddrizzarsi e raggiungere il mare.

Le altre sono uscite alla spicciolata durante la notte e le ultime tre si sono dirette in mare alle 3,30 di stamattina.

I problemi sono però cominciati con altre il calare della notte, quando alcune delle tartarughine, attratte dalle luci di un ristorante e di un grosso residence sono ritornate sulla spiaggia. Il gruppo di volontari guidato da Lisa Ardita, Guida parco subacquea e della segreteria di Legambiente Arcipelago Toscano, ha ispezionato la spiaggia per trovarle e per guidarle nuovamente verso il mare e la salvezza. E’ evidente che l’inquinamento luminoso rappresenta il più grande pericolo per queste splendide creature immediatamente dopo la loro nascita e Legambiente invita amministrazioni locali e imprenditori turistici e balneari a utilizzare tutti gli accorgimenti per mitigarlo.

Stanotte hanno presidiato il nido della tartaruga a Morcone anche due ragazzi del gruppo young reporter della riserva mab UNESCO Isole di Toscana: Tiziano e Kelly. Una magnifica esperienza per tutti quelli che stanno partecipando e che stanno assistendo a questo evento della natura che ogni volta che accade ha del miracoloso, soprattutto quando, come in questo caso, era inatteso.

Grazie anche all’ARPAT e all’università di Siena che seguono da vicino la vicenda, al gentile sostegno dato ai volontari dal Comune di Capoliveri e alla collaborazione del Parco Nazionale, la sorveglianza del nido di Morcone continuerà 24 ore su 24 anche nei prossimi giorni, chi volesse dare una mano può chiamare Legambiente Arcipelago Toscano: 3407113722

LEGAMBIENTE
Arcipelago Toscano