Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Fugge in moto all’alt dei Carabinieri e si schianta, preso con la droga

Scritto da Comando Compagnia Carabinieri Portoferraio

Fugge in moto all’alt dei Carabinieri e si schianta, preso con la droga

Erano impegnati in un normale, consueto controllo della circolazione stradale i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Portoferraio, quando l’altra sera hanno intimato l’alt a una moto che viaggiava in direzione del centro cittadino. Il conducente, che viaggiava trasportando anche la sua giovane fidanzata, alla vista dei militari ha cercato di eludere il controllo, non fermandosi e continuando la fuga, ma dopo pochi metri ha perso il controllo del mezzo schiantandosi contro due autovetture parcheggiate.
La pattuglia dell’Arma ha quindi immediatamente raggiunto il fuggitivo e, dopo essersi sincerata delle sue condizioni e di quelle della passeggera, lo ha sottoposto a controllo, scoprendo che il conducente non aveva mai conseguito la patente e il motociclo su cui viaggiava era privo della copertura assicurativa. Non convinti del motivo della spericolata manovra, i militari hanno poi ispezionato la moto, scoprendo all’interno del vano sottosella una modica quantità di cocaina.
Appurato ciò, i Carabinieri hanno deciso di proseguire e approfondire ulteriormente il controllo presso il domicilio occupato dalla coppia, perquisendolo e rinvenendo circa 80 grammi di sostanze stupefacenti tra hashish e marijuana, oltre all’occorrente per il confezionamento e la vendita, tutto sottoposto a sequestro, insieme a circa € 1.600 in denaro contante, ritenuto provento dello spaccio.
Pertanto il 31enne N.S.I., di origine straniera, residente da molti anni a Portoferraio, è stato deferito alla Procura della Repubblica di Livorno per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, con una pena che può raggiungere anche i 4 anni di reclusione.
Inoltre, a suo carico i Carabinieri del NOR hanno elevato contravvenzioni per violazioni del codice della strada per oltre 6.000 Euro e sequestrato la moto su cui viaggiava.