Quantcast
Progetto IN-iTINERE, il settimo maxiposter a Portoferraio con un'opera dell’Artista Fritz Hagl - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Progetto IN-iTINERE, il settimo maxiposter a Portoferraio con un’opera dell’Artista Fritz Hagl

Scritto da Associazione Culturale Persephone

Progetto IN-iTINERE, il settimo maxiposter a Portoferraio con un'opera dell’Artista Fritz Hagl

Da lunedì, 6 settembe, sarà visibile davanti alla Conad di Carpani il settimo maxiposter del progetto INiTINERE, Nuovi paesaggi urbani, La città di Portoferraio per l’Arte, progetto culturale, artistico e turistico voluto e sostenuto dal sindaco Angelo Zini e dall’assessore alla Cultura Sig.ra Nadia Mazzei. L’Opera rappresentata è dell’Artista Fritz Hagl (1928 – 2002) e si intitola “Senza Titolo”, cm 87×77, tempera all’uovo su tavola preparata, (pitture legate all’isola d’Elba che descrivono, sottolineano e soffermano lo sguardo sulle sue geometrie frattali, le trame nascoste della struttura naturale delle cose: nelle fibre delle agavi rinsecchite, nelle rocce, nei primi fondali tra scoglio e mare… n.d.r),

L’Artista stesso ci parla della sua pittura e del suo procedere artistico, da un appunto del novembre 2001 scritto a Bad Aibling, Germania: 

«Quarant’anni di vita da pittore sull’ isola mi hanno condotto al Tema che, elaborato fino ad oggi in tante variazioni, rappresenta la mia pittura.

Nei primi anni… mi appropriai delle composite forme dell’Elba disegnando davanti alla natura, attento fin da allora ai loro dettagli sottilmente strutturati.

Le spiagge furono una vera miniera, un prezioso cosmo di elementi che bastava osservare dando loro il rilievo appropriato. Scoprii presto che il mondo consiste di tanti particolari che comprendono già il tutto.

Questo lembo di terra circondato dal mare, sul quale di fatto ormai vivevo, il raggio d’ azione limitato, la vita ritirata, quasi isolata che conducevo e che ho sempre condotto, indirizzarono la mia attenzione alla natura informe. Si era negli anni ‘60/’70.

Questa natura divenne il mio materiale e la integrai sempre più nel mio lavoro: essa divenne il mio maestro e come tale l’accolsi.

A questo punto mi sentii pronto a rincominciare daccapo…» 

Nella splendida cornice di Capo Perla ai piedi del Monte Calamita a Capoliveri, principale luogo d’ispirazione dell’Artista, dal mese di settembre 2021 è possibile visitare la Mostra Permanente di Pittura presso l’Atelier Hagl. Su appuntamento telefonando a Dominique Hagl al 349 4284810.

Brevi cenni biografici:

Fritz Hagl nacque a Monaco di Baviera il 17 Agosto del 1928, iniziò la sua carriera artistica all’età di 16 anni come apprendista pittore a Garmisch Partenkirchen, presso il più celebre decoratore di affreschi murali dell’epoca, Heinrich Bickel. Negli anni del dopoguerra sostenne la famiglia vendendo le sue tele giovanili.

Tra il 1949 ed il 1954 frequentò l’Accademia di Belle Arti di Monaco di Baviera ed eseguì molti dei suoi ritratti negli atelier prima di Garmisch e successivamente di Monaco – Schwabing.

Dalla fine degli anni ‘50 al 2002, Hagl, visse e lavorò all’Isola d’Elba, a Capoliveri nell’atelier di Capo Perla. Affascinato ed ispirato dalle bellezze naturali, ne dipinse le formazioni rocciose, i paesaggi sottomarini e le trame e gli intrecci della flora impiegando, con tempera ad uovo, pigmenti in buona parte ricavati dai minerali delle miniere dell’Isola.

Poetica e ricerca artistica:
Le strutture del creato e la loro bellezza, l’imprescindibilità dal mondo naturale.

Ricordiamo che il progetto INiTINERE partito il 25 marzo scorso è dedicato all’Arte Contemporanea di questa isola e nella sua semplicità assolve tre compiti sostanziali: decoro urbano, promozione turistica e iniziativa culturale di valorizzazione del Patrimonio Immateriale. Il Comune di Portoferraio ha, da subito, appoggiato il progetto presentato dall’Associazione Culturale Persephone e da Ape Agenzia che si dividono i ruoli attraverso i loro rappresentanti di direzione artistica, Angela Galli, e direzione tecnica, Massimo Zottola. Il progetto è stato diviso in due parti, nella prima parte sono presenti sette artisti, con il maxiposter di Fritz Hagl, siamo al settimo artista esposto e si chiude questa prima parte del progetto. Ricordiamo gli artisti che si sono succeduti e le loro posizioni: Belinda Biancotti, In Blue, postazione 8, sulla tangenziali; Angela Galli con Laveria al Ginevro, Serie Strutture n° 15, davanti al supermercato Conad di Carpani; Marcello D’Arco, Spettacolo dall’antica biblioteca, sotto il tunnel, di via Guerrazzi; Mimì Jasmine Salley, Family portrait, è stata esposta dal 16 aprile per due settimane presso la rotonda della zona industriale. Luciano Regoli, “Sbarco di Napoleone all’Isola d’Elba”, postazione pubblicitaria n.12 ingresso Coop, Andrea Lunghi, Corale, Spazio n.9.