LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

33^ regata del Trofeo Amm. Varanini a Portoferraio

Scritto da Lega Navale Italiana Portoferraio

33^ regata del Trofeo Amm. Varanini a Portoferraio

Un vento leggero e una bella giornata di sole hanno reso molto piacevole la 33^ edizione del Trofeo Amm. Varanini, la regata da sempre organizzata dalla Lega Navale Italiana di Portoferraio in collaborazione con il Circolo Nautico di Magazzini.
I piccoli velisti dei Circoli Velici Elbani si sono sfidati domenica 29 agosto in tanti nella rada di Portoferraio e hanno ricevuto i premi addirittura dai rappresentanti della Capitaneria di Porto di Portoferraio, che hanno potuto essere presenti alla premiazione.
Il primo premio assoluto è andato al timoniere Mattia Luca Gelsi (CN Marina di Carrara) e al prodiere Thomas Trentini (CVMM) su Laser 2, seguiti a brevissima distanza da un altro Laser 2 timonato da Simone Corigliano, prodiere Riccardo Fametti (entrambi tesserati LNI), terze classificate della classe libera Sofia Marino e Ginevra Pistolesi (LNI) su Flying Junior, seguite da Simone Porciatti e Nicola Nassi (LNI) su Trainer, dall’Equipe timonata da Linda Gipponi con prodiera Ana Carolina Allori (CVMM) e dall’Equipe con Roberto Fametti al timone e Matilde Faloppa al fiocco (LNI); Federico e Francesca Pavia (LNI) hanno partecipato alla regata nella classe libera con l’Alpa Brise.

Il Trofeo Varanini è stato assegnato quest’anno al cadetto Optimist Luca Leoni (CV Rio) allenato dall’istruttore Marco Bulleri.
Mentre la prima assoluta degli juniores su Optimist è stata Elisabetta Innamorati (LNI), seguita da Leonardo Tamagni (CV Rio), dal principiante-rivelazione Niccolò Mazzanti e da Matteo Cilli (tutti tesserati LNI).

Nella classe Laser. 4.7 i 3 “moschettieri” della Lega Navale Italiana di Portoferraio si sono sfidati sul campo di regata (ribaltando con la seconda regata il risultato della prima): primo classificato Duccio Bucarelli, secondo David Innamorati, terzo Francesco Ieri (tutti tesserati Lega Navale Italiana).

Un doveroso ringraziamento va agli UDR, al Giudice Corrado Guelfi e a Franco Dari, che sulla barca Giuria “La Piccolina” hanno seguito le regate come di consueto con grande attenzione e agli sponsor.

Alla Lega Navale Italiana di Portoferraio fa davvero molto piacere aver potuto accogliere in questa occasione non solo i velisti nati e cresciuti alla scuola di vela di San Giovanni (Portoferraio), ma pure bravi velisti come Thomas Trentini e Linda (e a suo tempo sua sorella Eva) Gipponi, che si allenano ora nel circolo amico di Marciana Marina nel gruppo degli agonisti curati dall’istruttore Fabrizio Marzocchini, ma hanno seguito i loro primi corsi di vela proprio alla Lega Navale Italiana di Portoferraio; sicuramente Andrea Ferrari (l’istruttore che da anni segue e insegna i piccoli velisti) sarà molto fiero di loro! Ma anche l’istruttore Fabrizio Cazzorla, che la scuola di vela ha contribuito a fondarla.

Il Premio Acqua Dell’Elba è stato assegnato quest’anno a Matilde Faloppa.

Il Trofeo Amm. Varanini quet’anno ha acquisito ulteriore importanza con l’introduzione di due premi speciali:

Il Memorial Barbacci
È stato istituito in ricordo di un uomo che amava moltissimo il mare, il 1^ Luogotenente Barbacci della Capitaneria di Porto.
Ancora oggi ci sembra impossibile che sia mancato. Per la Lega Navale di Portoferraio è sempre stato un riferimento: un Esempio di Rispetto delle regole, senza mai mettere in secondo piano la gentilezza e la sua straordinaria umanità.
Il premio, dedicato a un “Marinaio Gentiluomo”, è stato consegnato dalla madre e dalla sorella di Leonello Barbacci al nostro Socio LNI Luciano Colombaioni.

Il Premio Morino per il velista eclettico
dedicato a Massimo “il Morino” era stato assegnato nel 2019 a Davide Innamorati, che molto gli somiglia.
Era un uomo molto legato al mare in tutte le sue forme, che praticava molti sport: oltre alla vela, il windsurf e il nuoto, ma gli piaceva tanto pure correre in moto o partecipare al rally in auto. Soprattutto era amico di tutti. Un piccolo Ulisse elbano, curioso di tutto e isolano nel profondo.
Il Premio, consegnato dal più eclettico dei velisti e windsurfer, Lello Sarperi, è stato assegnato quest’anno ai fratelli Roberto e Riccardo Fametti, che oltre a seguire i corsi di vela della Lega Navale, praticano il basket, il nuoto a livello agonistico e suonano rispettivamente la chitarra e il sassofono.

Sia il Memorial Barbacci che il Premio Morino per il velista eclettico sono stati realizzati dallo straordinario artista elbano Luca Polesi (https://www.lucapolesi.com/) e sponsorizzati dalla Saponeria.

Secondo il Regolamento, questi Premi vengono assegnati ogni anno al Velista, Armatore o Club migliori della stagione cui il Premio si riferisce.

La stragrande maggioranza dei piccoli velisti che frequentano la base nautica di San Giovanni hanno queste caratteristiche. La scuola di vela non è infatti solo il punto di partenza per le uscite in mare, ma un luogo di ritrovo -anno dopo anno- per un bel gruppo di ragazzi che ha piacere di ritrovarsi anche per condividere altri sport, giocare, sfidarsi in maniera responsabile o condividere un gelato insieme.
Durante questa stagione estiva i ragazzi che frequentano la scuola di vela da diversi anni, hanno potuto seguire il corso Tecniche di regata. Siamo davvero molto fieri che ci siano anche dei bravi principianti velisti di Portoferraio, che si sono messi in gioco grazie alle competenze acquisite per praticare questo magnifico sport con altri piccoli velisti che si trovavano in vacanza all’Elba. Un’occasione non solo per imparare tecnica e disciplina godendo del vento, un’occasione in cui si creano amicizie che durano poi negli anni a venire.

Di sicuro la Giuria del Premio faticherà non poco ogni anno a scegliere il più meritevole al quale assegnare questi Premi… per fortuna!
Ecco che tornano sempre preponderanti i Valori della Lega Navale Italiana https://www.leganavale.it/sezione/42597/gli-scopi