LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Il CAI Elba chiede alla CTT Nord di indicare le fermate “GTE” lungo il percorso

Scritto da CAI - Sottosezione Isola d'Elba

Il CAI Elba chiede alla CTT Nord di indicare le fermate “GTE” lungo il percorso

La Grande Traversata Elbana (GTE) rappresenta l’itinerario più significativo della rete escursionistica dell’Isola d’Elba. Si tratta di un percorso di crinale che percorre tutta l’Elba, da Cavo a nord-est fino a Patresi e Pomonte all’estremo occidentale, permettendo di osservarne l’incredibile varietà geologica, vegetazionale e morfologica. Ideato con lungimiranza negli anni ’80, con il diffondersi della pratica dell’escursionismo e dei cammini è cresciuto man mano di importanza e di fama, e ogni anno viene percorso, in tre o quattro tappe, da escursionisti di tutta Italia e non solo.

Chi ama camminare e percorre la GTE conta di solito sui mezzi pubblici per spostarsi all’inizio e al termine delle tappe giornaliere.

Nell’ottica di una sinergia positiva che favorisca sia l’uso degli autobus, sia la frequentazione della GTE, il CAI – Sottosezione Isola d’Elba ha chiesto alla CTT Nord di aggiungere la dizione “GTE” alle fermate che si trovano lungo il percorso, riportandole nei prospetti delle linee e degli orari a partire dal nuovo orario di settembre 2021, quando le temperature più miti faranno di nuovo aumentare i frequentatori dei nostri sentieri.
Si tratta delle fermate di Cavo, Patresi e Pomonte agli estremi dell’itinerario, e di due punti all’incrocio con le strade provinciali, particolarmente adatti per concludere la prima e la seconda tappa: in località Campo ai Peri / Casa Marchetti sulla SP 26 fra Portoferraio e Porto Azzurro, e in località Colle di Procchio sulla SP 25 fra Procchio e Marina di Campo.

Chiediamo al Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano – che cura fra l’altro la manutenzione del sentiero – alla Gestione Associata per il Turismo e ai Comuni interessati di farsi portavoce della nostra proposta presso la CTT Nord, valorizzando un cammino che è esempio di turismo sostenibile, rispettoso dell’ambiente e del territorio, praticabile tutto l’anno, importante anche come risorsa economica per l’isola.

CAI – Sottosezione Isola d’Elba
www.caielba.it