LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Aeroporto di Marina di Campo, Sergio Bicecci: “Perché questo silenzio?”

Scritto da Sergio Bicecci

Aeroporto di Marina di Campo, Sergio Bicecci: "Perché questo silenzio?"

Mi sembra il caso di riconsiderare quanto abbiamo letto, fino ad alcune settimane fa, sul nostro piccolo ma prezioso aeroporto di Marina di Campo. Infatti, da allora, sull’argomento il silenzio regna sovrano. Eppure non è cosa di poco conto. Tutt’altro. Rimando l’attenzione sulla posizione assunta dalla Amministrazione di Campo da cui dipenderebbero importanti decisioni in merito: eventuale spostamento del tracciato stradale, abbattimento di alcuni fabbricati con relative conseguenze ed altro. Devo dire che pur con difficoltà posso anche comprendere tali atteggiamenti. Di fatto si tratta di pubbliche dichiarazioni di una Amministrazione democraticamente eletta dai cittadini comprensibile, perciò, che abbia anche qualche interesse da difendere. Ma da li a lasciar passare che questa possa considerare l’areoporto come una cosa di esclusiva sua competenza ne passa, come si suol dire. In effetti tale Infrastruttura è da considerarsi un bene a cui tutta l’Elba deve guardare con attenzione, come l’Ospedale, i collegamenti marittimi e quant’altro risulti di interesse generale. Ciò detto penso che questo dovrebbe prevalere sul particolare e che sarebbe utile oltre, che doveroso, un bel confronto con tutte le altre Amministrazioni elbane. Ma queste ne hanno voglia? Dal fragoroso silenzio sul tema, fino ad oggi, sembrerebbe proprio no! Eppure, stranamente, anche un Sindacato CGIL così come Confcommercio, hanno rapidamente espresso solidarietà al progetto di adeguamento e allungamento alla pista di atterraggio. Allora perchè le sei Amministrazioni tacciono? E perche tace, in particolare, l’Amministrazione del Capoluogo che, a mio modesto avviso, dovrebbe essere guida e stimolo per le altre Istituzioni? Seguono forse qualche suggerimento extra territoriale? Non vorrei si trattasse delle solite genuflessioni che la storia ci ha insegnato. O forse stanno discretamente trattando per poi portarci a conoscenza delle loro decisioni? Speriamo sia questa la risposta all’ormai troppo lungo silenzio. Di fatto tale comportamento su una Struttura così importante per tutta l’Elba, quale che sia il motivo, non è comprensibile. Mi auguro presto di capirci qualcosa, perché come ho sempre scritto, occorre il coraggio di alzare lo sguardo oltre l’orizzonte e scrutare il futuro qualità questa che non tutti posseggono, purtroppo, perché il presente è già è già alle spalle!

Sergio Bicecci