LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“Cuore Mediterraneo” arriva sull’Isola d’Elba: la raccolta differenziata non si ferma mai, neppure in vacanza

Scritto da Miriam Pagano

"Cuore Mediterraneo" arriva sull'Isola d'Elba: la raccolta differenziata non si ferma mai, neppure in vacanza

Protagonisti nei cestini da picnic, nelle cambuse o negli zaini degli escursionisti, anche in estate gli imballaggi in acciaio come barattoli e scatolette sono casseforti ideali per custodire le migliori specialità alimentari mediterranee e sono amici del mare e dell’ambiente perché l’acciaio è un materiale permanente che si ricicla all’infinito.

Per sensibilizzare i cittadini sulle qualità e i valori degli imballaggi in acciaio, “Cuore Mediterraneo”, la campagna itinerante promossa da RICREA, il Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclo degli Imballaggi in Acciaio, fa tappa nell’arcipelago toscano. Sull’Isola d’Elba l’inviata speciale Alice ha incontrato bagnanti e diportisti per conoscere le loro abitudini e invitarli a scoprire i vantaggi di una corretta raccolta differenziata e il valore del riciclo degli imballaggi in acciaio.

“La raccolta viene effettuata con attenzione su tutto il territorio, dai centri storici ai piccoli paesi fino alle marine. Siamo determinati a raggiungere l’importante traguardo dell’80% nella raccolta differenziata – commenta Francesco Gentili, Presidente di ESA Elbana Servizi Ambientali, società che si occupa del sistema porta a porta sull’Isola -; per questo abbiamo investito su nuove postazioni tecnologiche che agevolano turisti e diportisti a conferire correttamente rispettando l’ambiente. In questo modo, inoltre, aiutiamo i cittadini ad avere un risparmio sulle tariffe.”

”Gli imballaggi in acciaio raccolti sull’Isola d’Elba come in tutto l’arcipelago toscano arrivano nel nostro stabilimento di Pontedera – aggiunge Livio Giannotti, Presidente di Revet S.p.A., che si occupa della differenziazione e della separazione dei materiali multi-leggeri -. Lì vengono lavorati ulteriormente, selezionati, ripuliti, ridotti in proler e avviati a nuova vita attraverso la rifusione nelle acciaierie.”

“Anche in vacanza è importante separare correttamente i contenitori in acciaio: una volta avviati al riciclo possono rinascere, trasformandosi ad esempio in chiodi, bulloni, travi per l’edilizia, binari ferroviari o arredi urbani – spiega Federico Fusari, Direttore di RICREA -. Grazie alla preziosa collaborazione di ESA e Revet S.p.A. riusciamo a garantire nell’arcipelago toscano ottimi risultati di raccolta e riciclo degli imballaggi in acciaio, materiale permanente che si ricicla al 100% all’infinito e non deve assolutamente essere sprecato, finendo in discarica.”

Nel 2020 in Italia, grazie all’impegno dei Comuni e dei cittadini, sono state avviate a riciclo 370.963 tonnellate di imballaggi in acciaio, sufficienti per realizzare circa 3.700 km di binari ferroviari: ancora una volta il Paese si conferma già in linea con l’obiettivo dell’80% previsto dalle direttive europee in materia di economia circolare entro il 2030.

Maggiori informazioni su Cuore Mediterraneo e sulle attività di Alice sulla pagina Facebook dedicata @CuoreMediterraneo.RICREA

Miriam Pagano
Executive Account – Media Relations specialist
Black & White Comunicazione s.r.l..