Quantcast
Tutta l’Elba piange la scomparsa di Silvano “Tottero” Nocentini - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Tutta l’Elba piange la scomparsa di Silvano “Tottero” Nocentini

Scritto da Arcipelago Network

Tutta l’Elba piange la scomparsa di Silvano “Tottero” Nocentini

Alle 9.30 del 7 giugno 2021 si è spento nella sua casa di Portoferraio all’età di 92 anni Silvano Nocentini. Capostipite della famiglia Nocentini,  “Tottero”, questo è il soprannome con il quale era conosciuto, per via del suo modo di “brontolare”, lascia nello sconforto familiari, amici e conoscenti. Silvano aveva cominciato come garzone in una bottega del pane a Carpani poi rilevata in cambio di 5  “ballette” di farina. Il suo sacrificio ha permesso oggi, di costruire quello che oggi è il Gruppo Nocentini La sua vita è trascorsa all’insegna del lavoro e dell’impegno affiancato dalla moglie Nisia (scomparsa nel 2019), mantenendo sempre la parola, rispettando e aiutando le persone. Il lavoro portato avanti negli anni ha permesso di costruire un futuro ai figli e ai nipoti. Dal suo matrimonio sono nati tre figli, Elvio, Tiziano e Tiziana, (oggi solo in due perché Elvio è mancato qualche anno fa), ed ora i discendenti di Silvano sono 36. Fino allo scorso anno Silvano veniva accompagnato nei vari supermercati per farsi vedere e a dare qualche consiglio,  dal suo terrazzo di casa controllava che le cose andassero bene e aveva sempre quel suo modo di “brontolare” se qualcosa non gli tornava.

La famiglia Nocentini lo ricorda con una poesia che gli è stata dedicata nel 1981 da alcuni collaboratori:

“Hai fatto con grande amor il pane quotidiano, rinunciando al sonno che ogni uomo come diritto ha.

Ero ragazzo e li ti ho sempre visto, assiduo al tuo lavoro con immensa umiltà, allora eri più giovane con  la forza di un gigante.

Gli anni sono volati via e tu, ancor per l’antica via, con passo assai più lento, il tuo peso in spalla porti.

Rimani ancora e per sempre l’esempio dei più forti”.