LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Consiglio Comunale a Portoferraio, l’analisi di Francesco Semeraro

Scritto da Francesco Semeraro

Consiglio Comunale a Portoferraio, l'analisi di Francesco Semeraro

CONSIGLIO COMUNALE A PORTOFERRAIO del 13 maggio 2021.

Questa è una mia personale analisi come spettatore.

Io come altri cittadini siamo abituati a lamentarci della poca informazione della nostra Amministrazione. Se è un diritto essere informati sarebbe un dovere anche partecipare ai Consigli Comunale sede delle decisioni Istituzionali visto che ora sono ammessi anche i comuni cittadini. Apre il Consiglio il Sindaco Zini con tre comunicazioni: la prima è che oggi 14 maggio ci sarà il gemellaggio con la cittadina “Savoia di Lucania”, la seconda spiegazione dei fatti incresciosi di qualche giorno fa avvenuti in via Hugo, la terza un grande apprezzamento e sentiti ringraziamenti per chi si sta spendendo per la campagna di vaccinazione in corso all’Elba.

Questo Consiglio è stato quasi dedicato per intero al consolidamento dei bilanci Comunale del 2018 e 2019 approvati dall’Assemblea che se non fossero stati deliberati il Comune sarebbe rimasto ingessato senza la possibilità di proseguire nelle normali operatività di cui una Amministrazione si fa carico come spese, stipendi, assunzioni personale, opere pubbliche, asili, manutenzioni, servizi comunali vari, investimenti per il triennio 2021/2023.

Si sono analizzate molte situazioni, consultati molti allegati per giungere ad una positiva deliberazione dei 2 bilanci che ha visto, astenendosi, d’accordo anche il gruppo Meloni e la contrarietà del consigliere Lanera.

Con l’approvazione dei bilanci si sono aperte molte possibilità per il prossimo triennio con l’assunzione di 14 persone nell’ambito Comunale tra i quali un Dirigente e 2 guardie Municipali a tempo indeterminato.

L’IMU non dovrebbe aumentare e per la TARI se ne parlerà nel prossimo mese.

Si è parlato del bilancio di cassa dell’anno scorso che poteva contare su circa 2,5 milioni di euro però spesi per restituire quanto anticipato da un ex Residence per le opere di urbanizzazioni.

Si sono sbloccati anche opere come la rotatoria le manutenzioni e la messa in sicurezza degli impianti sportivi e la messa in funzione (fra pochi giorni) del semaforo di S.Giovanni.

Il consigliere Meloni nel suo intervento era convinto che nel piano di alienazione e valorizzazione immobili per il triennio 2021/2023 rientrasse anche il palazzo del “Coppede’” che versa in uno stato di vero abbandono. Inoltre Il Consigliere chiede di rivedere le scuole perchè ancora soffrono di barriere architettoniche .

Per il piano strutturale e regolamento urbanistico in fase di definizioni, si confermano definitivamente le case PEEP ambito caserma Albereto e l’adozione di un parcheggio pubblico nell’ambito della “Bricchetteria”.

Il consigliere Lanera propone di trasformare l’ex cinema “Pietri” in piscina comunale ma è stato subissato di critiche al punto di essere maltrattato da componenti della Maggioranza dando l’impressione di poco rispetto di un oppositore che occupa con legittimità, visto i suoi consensi, una posizione nel Consiglio Comunale.

Il consigliere Lanera chiede di rivedere gli abbonamenti dei parcheggi “BLU”. Ha ricevuto assicurazioni di interesse.

A noi impegnati nella sanità è dispiaciuto che il Sindaco ha affermato che la “Casa della Salute” non si farà più perché i terreni degli ex Macelli sono stati assegnati alla Provincia per fare un plesso scolastico. Quindi quando in campagna elettorale sbandierava la “Casa della Salute” per defaticare il Pronto Soccorso e dare a Portoferraio un luogo di cure con tutti i medici di famiglia e altri specialisti sempre a disposizione dalle 8 alle 20 mentiva sapendo di mentire solo per prendere voti da chi credeva che la Sanità Pubblica fosse per lui una priorità. La cosa che ci sconforta è che non si è neanche accennato ad una alternativa di costruzione in altri luoghi benché è in corso un progetto di riqualificazione del vecchio ospedale. Lì si potrebbe fare “La casa della Salute” con annessi ambulatori territoriali e Foresteria per medici e infermieri esterni e trasferire lì anche il consultorio che è una vergogna e una violazione della privacy per minorenni e non che ora sono alla mercé di chi passa davanti a loro in ospedale.

La sanità deve essere seguita costantemente dalla Politica locale ma questo purtroppo non avviene e se lo fai presente ti guardano di storto e i più saccenti ti danno del tuttologo. Noi insistiamo.

MIE CONSIDERAZIONI SU “COPPEDE'”

Sul palazzo “Coppedè” avrei una proposta da fare all’Amministrazione visto che nessuno lo vuole e visto che come servizi portuali lasciamo a desiderare, perchè non si fa una stazione marittima con ristorante, pizzeria, servizi igienici degni di questo nome, piccola infermeria, diurno per adulti e neonati con fasciatoii e quant’altro, docce, edicola, ecc.??

Francesco Semeraro