Quantcast
"La politica prenda atto delle volontà dei cittadini" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“La politica prenda atto delle volontà dei cittadini”

di Amministrazione Comunale

"La politica prenda  atto delle volontà  dei cittadini"

L’Amministrazione Comunale di Portoferraio, da sempre sostenitrice della necessità di una nuova suddivisione politico-amministrativa del territorio elbano, non può che esprimere la propria soddisfazione per i risultati del referendum popolare che ha coinvolto i cittadini di Rio Marina e Rio nell’Elba che, con il loro voto, hanno sancito la nascita di un solo comune: Rio.
Come in altri due comuni toscani, Laterina e Perigine Valdarno in provincia di Arezzo, anche i cittadini elbani, con oltre il 60% dei voti, hanno espresso parere favorevole alla fusione dei due comuni, un premio per coloro che hanno creduto e sostenuto questa iniziativa come l’ex Sindaco Claudio De Santi ed il Sindaco di Rio Marina Renzo Galli, ai quali vanno le nostre congratulazioni. Oggi la politica deve prendere atto di questa nuova volontà dei cittadini, di questa nuova consapevolezza, e iniziare a considerare questo fenomeno, questa nuova volontà popolare, per iniziare un percorso che tenga conto delle modalità risolutive delle esigenze di chi vive in piccoli centri, esigenze che sono più complesse rispetto a chi vive nelle più grandi aree urbane. Ma la soddisfazione è legata al modo in cui si è giunti a questo risultato: un referendum democratico che ha messo in evidenza una nuova maturità dei cittadini con la consapevolezza che la conservazione della propria identità, delle proprie tradizioni e del proprio territorio non passa attraverso l’arroccamento e la chiusura in se stessi.
Questa Amministrazione non può però contemporaneamente non esprimere tutta la propria preoccupazione per quanto il governo sta programmando: una fusione imposta per decreto legge!. È ora depositata in Commissione Affari Istituzionali del Senato la proposta di legge con la quale si prevede la fusione di comuni che non raggiungono il numero di diecimila abitanti. Ignorando funzionalità, efficienza e convenienza, ma basandosi solo su dati numerici, si propone una sorta di globalizzazione del sistema amministrativo che non ci convince e non vogliamo. Eventi di così grande portata storica e trasformazione sociale non possono prescindere dal rispetto della volontà dei cittadini, e se l’aggregazione serve a migliorare la qualità della vita e dei servizi ben venga, ma deve partire dal basso attraverso la volontà della comunità elbana.

L’Amministrazione Comunale di Portoferraio