LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Sanzione da 45mila euro per gli affitti in parrocchia

Il Tar accoglie il ricorso della parrocchia e sospende il pagamento al Comune

Sanzione da 45mila euro per gli affitti in parrocchia

Sospeso, almeno per ora, il pagamento dei 45mila euro di sanzione richiesto dal Comune di Porto Azzurro alla parrocchia di San Giacomo per aver trasformato i locali dell’ex istituto San Vincenzo in un affittacamere.
Lo ha stabilito il Tar accogliendo il ricorso della parrocchia. Sospesa quindi l’efficacia dell’ingiunzione di pagamento della sanzione pecuniaria e tutto rimandato all’udienza di merito fissata per il 5 giugno 2018.
La vicenda risale allo scorso autunno quando il paese fu scosso dalle indagini dei carabinieri, nate in seguito a una denuncia, che coinvolsero la parrocchia e il parroco Don Jarek Sienkowsky. Nei locali dell’ex Istituto San Vincenzo in via Cerboni, già sede di una scuola gestita dalle Suore, stando alla denuncia/esposto presentata ai carabinieri, erano state ospitate una decina di persone, in cambio di un canone mensile di 250 euro ciascuna. Le persone ospitate erano dipendenti di strutture ricettive o esercizi pubblici, personale militare della Capitaneria di Porto ed anche alcune persone indigenti in situazione di emergenza abitativa.
La vicenda ha portato a una denuncia penale per violazione della legge antiterrorismo con conseguenze anche dal punto di vista amministrativo. Il comune infatti con un provvedimento ha emesso ingiunzione di pagamento per mancato rispetto della Legge Regionale n.65/2014, pari a 44.936,40 euro “a titolo di sanzione – si legge nell’ordinanza del Tar – per aver effettuato un mutamento di destinazione d’uso dell’immobile sito in via Cerboni 10 destinandolo ad attività ricettiva alla data del 16 settembre 2016 e ordinato la cessazione dall’utilizzo difforme dell’immobile entro un anno”. Ma il pagamento è stato bloccato dal Tar che ha accolto il ricorso della parrocchia per “l’esistenza di sufficienti profili di fondatezza”, relativi al mancato rispetto dell’obbligo di comunicazione di avvio del procedimento.