Quantcast
Dissalatore, il comitato chiarisca la sua posizione - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Dissalatore, il comitato chiarisca la sua posizione

di Paolo Patretti

Dissalatore, il comitato chiarisca la sua posizione

Si continua a discutere del dissalatore e  il comitato insiste. La pubblicità e la partecipazione sono stati assolutamente insufficienti, sarà anche vero, ma deve essere dimostrato, se la partecipazione è stata insufficiente non se ne può dare responsabilità al responsabile della progettazione e del procedimento se le procedure sono state rispettate. Credo che i cittadini debbano imparare ad essere presenti al momento in cui si apre la finestra della partecipazione che è regolamentata per legge, altrimenti il nostro paese è condannato alla insostenibilità di qualsivoglia forma di governo; Il carico antropico dell’ Elba è fluttuante fra le presenze estive e i consumi del resto dell’anno, e la soluzione del problema, in assenza di grandi depositi idrici per non disperdere le risorse, non è il dissalatore, se è vero che i depositi idrici sono necessari per conservare l’acqua piovana invece di gettarla malamente in mare ( e li possiamo e li dovremmo fare tutti anche nel piccolo della propria villetta), rimane un punto quale è la soluzione del comitato? Insomma quello che si vuole dire è: che la cittadinanza, tutta, deve imparare, ad essere presente quando la presenza è richiesta, altrimenti non si mette in discussione una scelta, ma il principio stesso della democrazia rappresentativa che comunque offre ampie possibilità al cittadino di partecipare; che se ovunque nel mondo si costruiscono dissalatori e non credo che in questo “ovunque” siano tutti tonti; che il comitato chiarisca una cosa, se l’impianto fosse stato previsto a Procchio sarebbe andato bene?