Quantcast
Vaccini, il dato elbano è in linea con quello regionale - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Vaccini, il dato elbano è in linea con quello regionale

Su nidi e materne 70 sono le posizioni in fase di approfondimento

Vaccini, il dato elbano è in linea con quello regionale

I centri vaccinali sono in linea con i cicli di vaccinazione per rispondere alla circolare dei ministeri che impone l’obbligo per la regolare ammissione alle scuole. Il dato elbano è perfettamente in linea con quello regionale. Se la stragrande maggioranza dei bambini toscani è in regola con le vaccinazioni, anche sull’isola si può dire lo stesso.

“Confermo – dice Luigi Genghi, responsabile dell’Ufficio Igiene del territorio – che anche all’Elba abbiamo questa tendenza. La maggior parte dei bambini sono in regola con le vaccinazioni”.

La priorità dell’asl verteva, nel primo periodo, sui bambini da 0 a 5 anni, e cioè nidi e scuole materne. Su questi, assicura il dottor Genghi, la maggior parte è in regola con le vaccinazioni. In particolare risultano 70 bambini su cui l’Asl sta effettuando degli approfondimenti per valutare le loro posizioni vaccinali.

“Per quanto riguarda materne e nidi – spiega Genghi – abbiamo già fatto tutto il procedimento richiesto. Abbiamo mandato le raccomandate e telefonato ai genitori dei bimbi di cui stiamo verificando la situazione vaccinale. Avendo ricevuto gli elenchi degli iscritti dalle scuole, abbiamo rimandato agli istituti i nominativi di quei soggetti di cui stiamo facendo degli approfondimenti. Siamo in perfetta regola”.

Insomma, la macchina operativa che vedeva la collaborazione tra Asl e Uffici scolastici si è messa in moto immediatamente rispondendo alle richieste dei ministeri dell’Istruzione e della Salute

“Si prevede – spiega Gianni Donigaglia, responsabile della Zona Distretto Elba – un incremento dell’attività vaccinale in questo periodo sia negli inevitabili recuperi dopo le verifiche e approfondimenti su alcuni bambini, sia perché tutto quello che sta succedendo va a creare una sensibilizzazione positiva sulle vaccinazioni”. 

Per guardare il video servizio clicca qui