LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

La competizione scolastica, ma quanto costa?

di Fabrizio Prianti

La competizione scolastica, ma quanto costa?

Tra pochi giorni ci risiamo ! Libri, zaini, astucci, quaderni: il caro scuola torna a pesare sui portafogli delle famiglie: un milione e passa delle vecchie lire, tanto sarà il conto da pagare per ciascun figlio che sta per sedere tra i banchi. E’ già guerra di cifre però sul calcolo di quanto sia aumentato anche quest’anno il costo dell’intero corredo scolastico: poco più dell’1% secondo alcuni sondaggi guidati, circa il 10/15 per cento secondo i consumatori. Insomma tutto aumenta a dismisura ed i cittadini si lamentano. Per i più piccoli si torna a parlare di zaini, cartelle e zainetti, gioia e competizione delle mamme ( lo zainetto del mio bambino è più bello ed è anche firmato Fiorucci con allegata anche l’agendina 2017/18 di Smemoranda , la penna Pelikan , 80 matite Giotto extra e l’ultimo smartphone con fotocamera, calcolatrice ,computer e colazione incorporata.)
Il problema è che solitamente sono i ragazzi (ma più i genitori che entrano addirittura in competizione fra loro ) a venire attratti dalla griffe dei prodotti per la scuola, anche se da più parti si sollecita le famiglie a valutare, nella scelta degli zaini, non la griffe ma che siano sicuri per le schiene dei ragazzi. Esiste anche un decalogo, diffuso da una associazione di cui mi sfugge il nome, in cui si consiglia l’acquisto di un trolley, sicuramente meno dannoso, visti i carichi, o di zaini dotati di schienali rigidi, che possano ripartire i pesi in maniera non dannosa. Insomma la domanda da porre a giovanotti e genitori è : ma cosa vale più la salute…… oppure sono meglio alcune griffe importanti?


Fabrizio Prianti