Quantcast
Bertucci rimette la delega allo sport: "Troppi impegni" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Bertucci rimette la delega allo sport: “Troppi impegni”

Tra i suoi incarichi anche viabilità e sociale. Mario Ferrari: "Ripensaci"

Bertucci rimette la delega allo sport: "Troppi impegni"

L’assessore portoferraiese Adalberto Bertucci rinuncia alla delega allo Sport. Bertucci, nel suo incarico di assessore fino ad ora ha portato avanti le deleghe al traffico e alla viabilità, allo sport ed al sociale. Tutte deleghe che comportano impegni pressanti , per cui la decisione di rinunciare ad una: allo sport. “A causa del notevole impegno – scrive Bertucci nel documento che ha già depositato al protocollo del comune – necessario per seguire in maniera adeguata le problematiche concernenti le politiche sociali, anche a seguito della pubblicazione del nuovo bando Erp e quelle relative al traffico e alla viabilità, rinuncio alla delega conferitomi per lo sport, stante la difficoltà ad adempiervi”. Una decisione su cui per ora non intende tornare “perché – ci spiega al telefono – sono troppi gli impegni a cui devo fare fronte e anche se da sempre ho seguito lo sport, penso che sia un settore che può essere facilmente seguito anche da altri, mentre per quanto riguarda la viabilità , e gli alloggi ho iniziato un iter e una programmazione che ho piacere di seguire e portare a termine. Tra poco arriverà anche il nuovo comandante della polizia municipale e quindi in questo momento non intendo ripensare a quanto già deciso. L’ho già comunicato anche alla giunta”. La delega è stata rimessa nelle mani del sindaco Mario Ferrari che però ha intenzione di chiedere a Bertucci di ripensarci. “Molto probabilmente è provato emotivamente – ci dice il sindaco – perché in effetti in questo momento gli impegni sono molti, contando anche l’arrivo del nuovo comandante della polizia municipale e il bando Erp. Forse si è sentito responsabilizzato in maniera eccessiva, ma gli chiederò di rivedere questa sua decisione perché sono convinto che questo momento di eccessivo impegno passerà e che ci siano le condizioni per lavorare bene”.