Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“Giganti verdi”, Carlo Gasparri e la “curva della sughera”

Stavolta il racconto arriva dal versante orientale dell'Isola d'Elba

"Giganti verdi", Carlo Gasparri e la "curva della sughera"

Appuntamento consueto con i “Giganti verdi” di Carlo Gasparri responsabile di commissione ambiente della Fondazione Elba: stavolta il nostro anfitrione ci porta nel versante orientale dell’isola per mostrarci una pianta monumentale, una grande Sughera che si trova tra Rio Elba e Rio Marina e che non a caso ha dato il nome al luogo “ curva della Sughera”.
Questa pianta, ci dice Gasparri, ha una vita media di 250-300 anni.
Il nome Sughera secondo alcuni è formato da 2 parole celtiche,” Kaer” “quer” = bell’albero, cioè l’albero per eccellenza; secondo altri deriva dal greco Ruvido; “suber”, perchè i Romani indicavano, con questo nome, sia il sughero che la quercia da sughero. Infatti proprio i Romani utilizzavano il sughero di queste piante per sigillare recipienti contenenti vino e anche in Egitto, in tombe risalenti a migliaia di anni fa, sono state ritrovate anfore ancora chiuse con sughero e perfettamente conservate.
Anche i ricordi fanno parte del racconto della nostra preziosa guida che rammenta quando, in giovane età , lavorando alle miniere di Rio era uso prendere appuntamento con i compagni proprio alla “curva della sughera”.
Insomma ancora un intrigante e meraviglioso itinerario ambientale che strappa a Carlo la promessa di ampliare per noi le escursioni su quel versante, magari partendo da Porto Azzurro fino a raggiungere la frazione estrema del Cavo.

FP

Ecco in allegato il videoservizio