Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Gli angeli del Reparto Oncologia, meglio delle medicine

Lettera firmata

Gli angeli del Reparto Oncologia, meglio delle medicine

Questa lettera pubblica ci sembrava solo un piccolo gesto in confronto a quanto successo in quel reparto di D.H. Oncologico dell’ospedale di Portoferraio.
Quando d’improvviso la malattia ti colpisce e ti ritrovi a varcare la soglia di quel piccolo reparto, ti senti sgomento, impaurito ma lievemente speranzoso di poterne uscire vittorioso.
Entri lì e il tuo cuore è in frantumi ma sai che devi rialzarti e combattere perché “la bestia” è indubbiamente molto forte e poi, lì dentro, accade un piccolo grande miracolo.
Ti ritrovi circondato da un personale meraviglioso che fa del proprio lavoro una ragione di vita nonostante la sanità sia sempre più martoriata dai vari tagli alle spese.
Trovi persone come i nostri magnifici infermieri Roberto, Maria Assunta, Raffaella e Laura a cui non manca mai un sorriso, una parola di conforto e perché no, anche una battuta o una risata che, a volte, fa di più di una chemioterapia. Personale non solo preparato professionalmente ma anche umanamente vicino ad ogni paziente che lì dentro porta la propria storia.
Infine, ma non certo per ultima, la nostra Grandissima Dott.ssa Tomei.
Una dottoressa come non ne esistono molte. Che di te sa tutto e si ricorda tutto perché te per lei non sei solo una cartella clinica su cui appunta le ferite del tuo viaggio, ma sei soprattutto un essere umano che ha diritto alla vita.
La prima Dottoressa che davvero ha a cuore i suoi pazienti e che lotta al loro fianco fino alla fine. Nel triste e difficile percorso che un paziente oncologico si trova a dover affrontare, sapere di non essere solo aiuta moltissimo e oggi possiamo solo sorridere e ringraziare quel piccolo reparto e gli Angeli che vi lavorano dentro.
Un ringraziamento speciale va anche al Dottor Menno (ormai in pensione) per la sua grande professionalità e il grande aiuto, al Dottor Arganese del Pronto Soccorso perchè senza di lui oggi non sarei qui a scrivere questa lettera, e all’infermiera di pronto soccorso Paola C. per la professionalitá, disponibilità e affetto dimostratoci. Grazie!