LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Elba, salta il fronte del “no” all’accoglienza ai migranti?

Riunione in Prefettura, Rio Marina disponibile ad accoglienza di minori

Elba, salta il fronte del “no” all’accoglienza ai migranti?

Si torna a parlare di migranti e di accoglienza, e il fronte del “no” che aveva finora contraddistinto la posizione dei sindaci dell’Isola d’Elba sembrerebbe essersi incrinato. Le notizie – frammentarie – arrivano da una riunione che si è svolta in Prefettura a Livorno, fra il nuovo Prefetto Anna Maria Manzone e i sindaci della provincia. A fronte del “no” ribadito dai primi cittadini elbani, e rafforzato da una dura presa di posizione da parte dei sindaci della costa (in particolare Cecina, ndr) che avrebbero protestato per la ricaduta negativa dal punto di vista dell’immagine turistica fornita dai migranti finora ospitati, ci sarebbe stata una apertura del sindaco di Rio Marina Renzo Galli nei confronti di un progetto che riguarderebbe comunque solo dei minori abbandonati. Il progetto sarebbe nato grazie alla disponibilità delle Suore dell’Istituto della Carità, tornate recentemente a Rio Marina, e di un loro immobile presente sul territorio. Un progetto mirato, quindi, e non una apertura indiscriminata ai migranti.
“Non mi sembra il caso di indebolire la nostra posizione collettiva – ha dichiarato il sindaco di Capoliveri Ruggero Barbetti – si tratta in ogni caso di una apertura che potrebbe portarne altre. Quello dei migranti è un problema istituzionale e politico: noi sindaci elbani siamo contrari alla politica del governo sui migranti e faremo di tutto per opporci, se necessario anche le barricate. Se proprio si vuole mandarli su un’isola – aggiunge Barbetti, riproponendo una sua provocazione già usata – si potrebbero mandare a Pianosa: lì c’è la caserma Bombardi, già pronta da anni per ospitare la Polizia di Stato e ora abbandonata. Gli immigrati potrebbero andare lì, ed essere usati in lavori socialmente utili, visto che sull’isola ce n’è molto bisogno”.