Quantcast
Fine del Granducato di Toscana Asburgo e Lorena - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Fine del Granducato di Toscana Asburgo e Lorena

di Marcello Camici

Fine del Granducato di Toscana Asburgo e Lorena


Il 20 Maggio 1859 il Gonfaloniere di Portoferraio (Fabio Squarci) informa Sua Eccellenza il Ministro dell’Interno a Firenze (Bettino Ricasoli) che il 19 maggio andante è stata istituita a Portoferraio una commissione per la raccolta delle oblazioni per la guerra nazionale .Al tempo stesso viene informato il ministero che il comune di Portoferraio ha stanziato lire mille quale offerta per la guerra dell’indipendenza italiana.
“A Sua Eccellenza il Ministro dell’Interno a Firenze
A seguito della Circolare di Vostra Eccellenza il 13 del corrente mese di maggio,questo Civico Magistrato nella sua tornata del 19 andante con analoga Deliberazione ha nominato una Commissione diretta a raccogliere le singole offerte per la Guerra dell’Indipendenza Italiana;qual Deputazione io rendevo di pubblica ragione con ( ) avviso che ho l’onore di rimettere qui in copia alla Eccellenza Vostra; e contemporaneamente il Magistrato stesso ha stanziato la somma di lire mille a carico della Cassa Comunale per l’oggetto su indicato.
Ho l’onore frattanto di dichiararmi
L’avviso è nel registro Avvisi sotto il n. 10
Maggio 1859 “
(Copialettere del Gonfaloniere di Portoferraio dal dì 31 ottobre 1856 al dì 22 maggio 1859.Anno 1859 .Copialetttere n. 76)
La commissione istituita dal comune di Portoferraio il 19 maggio 2016,decide di scegliere alcune signorealle quali il gonfaloniere chiede di volersi adoperare per la guerra dell’indipendenza “sapendo che alla preghiera dettata dal labbro femminile e patriottico niuno potrà negare l’obolo alla Patria”
Il 22 Maggio 1859 il gonfaloniere di Portoferraio,presidente della commissione diretta a raccogliere offerte per la guerra dell’indipendenza, scrive alle signore :
” Signore
Marianna Bigeschi nata Mazzinghi
Anna Montelatici nata Senno
Marianna Bigeschi nata Puccini
Domenica Daddi Nata Gasparini
Elvira di Luigi Damiani
Eloisa Foresi nata Bracci
A Portoferraio
Il Sesso cui Ella appartiene si è sempre e dovunque distinto per opere pie.
VEDERE Un’opere eguaglia quella che è diretta a sopperire ai bisogni della Comunità quando combatte per raggiungere col mezzo della guerra la propria indipendenza.
Mentre il sesso forte animoso combatte sul campo,le gentili Signore,le Donne di ogni condizione,debbono prestarsi a raccogliere denaro,garze file o quant’altro è indispensabile ai bisogni di una guerra.
A questo fine la Commissione da me presieduta,l’ha prescelta e la prega a volersi adoperare con zelo e perseveranza a raccogliere oggetti e pecunia,sapendo per (VEDERE )che alla preghiera dettata dal labbro femminile e patriottico niuno potrà negare l’obolo alla Patria che invoca aiuto ad ogni suo figlio in così supremo momento.
Abbia in questa mia l’attestato anticipato della riconoscenza della Commissione la quale molto si ripromette dalla di Lei opera e frattanto mi dò il piacere di dichiararmi
Di Lei Signora
Squarci”
(Copialettere del gonfaloniere di Portoferraio dal dì 22 maggio 1859 al dì 5 dicembre 1860 .Anno 1859. Copialettere n da 82 a 87 )
Marcello Camici
mcamici@tiscali.it