LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Seccheto: immersione notturna più numerosa al mondo

Nuovo Guinnes World Record, 133 subacquei provenienti da tutta Italia

Seccheto: immersione notturna più numerosa al mondo

L’ agenzia didattica RAID Italia è riuscita ancora una volta in un’impresa da Guinness World Record: realizzare l’immersione notturna con il più alto numero di partecipanti. Nessuno infatti, prima d’ora, aveva tentato un simile record. Nella notte di sabato 17 settembre ben 133 subacquei, venuti da tutta Italia, hanno sfidato vento forte e mare lungo per immergersi nelle acque antistanti la spiaggia di Seccheto.
Distribuiti in 10 gruppi, i subacquei hanno percorso, uno dopo l’altro, una linea stesa su un fondale di circa 3 metri, illuminata da luci stroboscopiche. Coordinati da uno staff di 30 persone e filmati da due telecamere che hanno documentato la correttezza delle procedure ed un drone per le spettacolari riprese aeree, i 133 hanno portato a casa – un anno dopo il record della catena umana subacquea più lunga del mondo, strappato ai francesi da RAID Italia nel settembre 2015, sempre all’ Elba – un altro primato mondiale.
“Quando abbiamo pensato a ‘I 300’ non volevamo certamente portare a termine una missione impossibile- riferisce Stefano Stolfa, training manager di RAID Italia – ma dare vita ad una manifestazione che potesse coinvolgere e motivare il più alto numero di persone, senza reclusioni alcune.  Il messaggio che l’agenzia didattica RAID ha scelto di trasmettere, e che crediamo essere il più rappresentativo della subacquea in senso lato, è infatti proprio questo: non imprese per pochi ma avventura per tutti; non supereroi ma persone comuni, seriamente addestrate, che insieme possono raggiungere traguardi ed obiettivi di qualunque tipo, dai record alle esplorazioni, divertendosi e supportandosi l’un l’altra.”
A dare ancora più valore all’iniziativa, la scelta da parte degli organizzatori di Raid Italia di devolvere in beneficenza una parte delle quote di adesione dei singoli partecipanti: 2300 euro sono stati versati all’associazione Susan Komen Italia, che da anni è impegnata nella lotta al tumore del seno.
Indispensabile per la buona riuscita dell’evento il supporto della Capitaneria di Porto di Marina di Campo, del Comune di Campo nell’Elba, dell’associazione “La Ginestra”, e degli altri partner tecnici: Best Divers, Indico Technologies – Luci Subacquee, Ugly Fish, ed i diving center “Diving
Service Center Seccheto”, “Blu Passion”, “Full Dive” che hanno fornito supporto logistico ed organizzativo.