Quantcast
I dipendenti comunali proclamano lo stato di agitazione - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

I dipendenti comunali proclamano lo stato di agitazione

Dopo l'assemblea sindacati ed rsu decidono uno sciopero per il 30 settembre

I dipendenti comunali proclamano lo stato di agitazione

“Basta rimpalli sulle responsabilità”. I dipendenti del comune di Portoferraio proclama di nuovo lo stato di agitazione. A rompere il silenzio le organizzazioni sindacali e le rsu del comune. “È stato necessario attendere il cedolino dell’ ultima busta paga – scrivono – per verificare il mancato rispetto dell’ accordo uscito dalla precedente vertenza prefettizia (25 ottobre 2015). Il 29 agosto nella sala consiliare del comune si è svolta l’assemblea del personale che ha deciso di riprendere la protesta. “Basta con i rimpalli sulle responsabilità per il mancato pagamento delle spettanze degli anni 2014 e 2015m – dicono – “i dipendenti tutti i giorni garantiscono i servizi ai cittadini” quindi il Sindaco si faccia garante del rispetto degli accordi e degli interlocutori con i quali li sottoscriviamo”. Le Organizzazioni sindacali e le rappresentanze sindacali unitarie del comune di Portoferraio denunciano la mancata apertura del tavolo trattante relativo all’ anno in corso “che – sottolineano – ancora una volta ci vedrà coinvolti solo a consuntivo, quindi, senza una programmazione della macchina comunale”. Lo stato di agitazione dei dipendenti si aprirà ufficialmente con tre assemblee convocate per i giorni 5, 7 e 8 settembre che, andranno a calendarizzare tutte le iniziative da mettere in campo, quindi i sindacati e le R.S.U. proclameranno una giornata di sciopero per il 30 settembre prossimo.