Quantcast
Visite di ferragosto ? Bene, ma portate novità - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Visite di ferragosto ? Bene, ma portate novità

Il sindacato sulle visite dei parlamentari: "Non siano una vetrina"

Visite di ferragosto ? Bene, ma portate novità

Visite dei politici e sindacalisti nelle prigioni Italiane? bene, ma solo se portino continuità ispettive, proposte di miglioramenti e risorse necessarie ad un sistema giustizia penitenziario alla frutta. COSP pensare anche a chi produce Sicurezza come Forza di Polizia e le loro condizioni di vita dopo i recenti suicidi in campo nazionale che dovrebbe fare riflettere . Questo il Trend di sovraffollamento Regionale: CAMPANIA 6.749 – LAZIO 5.888 – PUGLIA/Basilicata 3.685 – VENETO 2.102 le Regioni più affollate d’Italia.

COSP – Coordinamento Sindacale Penitenziario – sulle criticità nei penitenziari, sulla scarsa qualità della vita di poliziotti e comparto ministeri, sulle scarse risorse disponibili umane e dei mezzi, sull’igiene e sicurezza delle carceri, il Sindacato denuncia che anche quest’anno 2016 vigilia di ferragosto, quasi fosse diventata una “sagra della sbarra”, politici e sindacalisti si apprestano in queste ore a visitare i luoghi di detenzione e prigionia di oltre 53.850 detenuti di cui 18.091 stranieri e 2.279 donne dei 200 penitenziari italiani contro una regolamentare capienza di 49.659 posti letto, dati riferiti al 31 luglio 2016 fonte ufficiale del Ministero della Giustizia.
CO.S.P. – Bene ogni forma ispettiva che ponga trasparenza alle realtà penitenziaria anche dopo i noti fatti accusatori della cella “zero” di Napoli Poggioreale e non solo, ma mettere al primo posto come disagio chi produce Sicurezza nella insicurezza di Stato, appare anche necessario.
CO.S.P. – Chi assicurerà la Sicurezza dentro e fuori le oltre 200 Carceri Italiane,il servizio di Vigilanza,i piantonamenti e le traduzioni dei detenuti sarà la POLIZIA PENITENZIARIA che solitamente durante tutto l’anno vive e soggiorna nelle trincee delle prigioni.
COSP – Il Corpo della Polizia Penitenziaria, che dovrebbe contare su 46.000 unità ridotte a poco più di 40.000 secondo D.M. 2013,tra pensionamenti,riformati e sospesi la forza si è ridotta ulteriormente a 35.000 unità ,con una perdita di 7000/8000 unità.
Troppi e tanti i compiti che vengono su ogni turno di lavoro di otto ore affidati ad un solo agente con più reparti detentivi da vigilare ed una popolazione detenuta per singolo agente di circa 100/150 detenuti per le attuate celle aperte e vigilanza dinamica.
COSP. Il Fenomeno terroristico dell’ISSIS la presenza di questi fanatici anche nelle Carceri Italiane ampia il raggio d’azione della Polizia Penitenziaria rimasta in solo 25.000 unità al controllo diretto se si escludono DAP, PRAP,UEPE,MINISTERI DIVERSI DI DIVERSE MIGLIAIA DI UNITA’ .
COSP. – Dall’inizio dell’anno a oggi 360 agenti sono rimasti feriti, c’è tanto ancora da fare. Il sovraffollamento resta un problema, la media si aggira sui 107 per cento, qualche anno fa era del 180″ ponendo l’accento sulla necessità di affrontare le problematiche del pianeta carcere tenendo conto delle esigenze di tutti quelli che lo popolano, reclusi e Operatori .
CO.S.P. – Mastrulli – Rivolgo appello agli stessi Parlamentari che si apprestano nel visitare le nostre Carceri nella criticità delle risorse umane e materiali, affinché si dia scorrimento alle graduatorie lasciate bloccate da 5 anni e parlo ai 375 ai 170 e 260 ma mi riferisco anche al silenzio dell’amministrazione sull’esito della prova scritta per i 400(300+100) dello scorso aprile 2016.
COSP. Negli ultimi giorni due sono stati i suicidi tra le fila della Polizia penitenziaria,negli ultimi mesi diversi sono stati ancora i suicidi e negli ultimi 10 anni il Trend supera i 120 casi tra cui una dirigente penitenziaria.
CO. S.P. – GOVERNO potrebbe anche pensare, ad un immediato urgente provvedimento, penso al Decreto n. 178 del 28.09. 2012 G.U.N.245 per un ricollocamento delle oltre 800 tra Ufficiali e Sottufficiali unità della CRI Militare che potrebbero transitare nel Ruolo Esaurimento nei Ruoli Tecnici del Corpo della Polizia Penitenziaria mantenendo le specializzazioni di provenienza al pari degli ex Ufficiali del disciolto Corpo degli Agenti di Custodia con la 395/1990 transitati nella Polizia Penitenziaria. Domenico MASTRULLI Segretario Generale Nazionale