Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Elba Sharing, a Portoferraio e Rio Marina 1,5 milioni

I due comuni elbani tra i sei siti vincitori del bando Europeo CIVITAS

Elba Sharing, a Portoferraio e Rio Marina 1,5 milioni

I comuni di Portoferraio e Rio Marina, in qualità di partner del Progetto CIVITAS DESTINATION messo a punto con la consulenza di MemEx di Livorno e Isis di Roma, sono risultati tra i vincitori del bando Europeo CIVITAS sulla mobilità sostenibile.

Il bando del Programma CIVITAS, una delle più rilevanti iniziative della Unione Europea sulla mobilità sostenibile per le città, richiedeva proposte progettuali che prevedessero la collaborazione tra diverse città europee.
Il bando del Programma CIVITAS prevedeva 2 fasi di sviluppo: nella prima sono state presentate 39 proposte da parte di circa 400 città europee. Di queste ne sono state ammesse alla seconda fase 9 che, nell’Ottobre 2015 hanno presentato nel dettaglio la loro idea di mobilità sostenibile. Il processo di selezione ha portato al finanziamento di soli 4 progetti, tra i quali CIVITAS DESTINATION.
Complessivamente il progetto CIVITAS DESTINATION, che a livello elbano è stato denominato “Elba Sharing”, prevede la partecipazione di 6 località turistiche Europee, per un totale di 30 partner.
“CIVITAS DESTINATIONS” ha l’obiettivo di studiare e sviluppare un set comune di misure e servizi di mobilità e turismo sostenibile in 6 località turistiche Europee caratterizzate dal fenomeno della variabilità della domanda di mobilità e trasporto dovuta ai flussi turistici, che rendono le piccole realtà del tutto simili alle classiche aree urbane per quanto riguarda la gestione dei servizi (e il conseguente dimensionamento) e le problematiche legate a congestione, inquinamento e consumi energetici.
Nelle 6 località coinvolte, Funchal (Portogallo), Las Palmas (Spagna), Limmassol (Cipro), La Valetta (Malta), Isola d’Elba (Italia) e Rethymno, (Grecia), le soluzioni innovative (o “smart”) verranno studiate, definite, implementate e valutate affrontando anche le differenze organizzative, operative, tecnologiche, di policy e di comportamento della domanda.
Le soluzioni realizzate costituiranno un prototipo per altre città turistiche Europee interessate a realizzare soluzioni simili in contesti differenti e riqualificare gli stessi flussi turistici.
Le differenti soluzioni che verranno implementate nelle 6 realtà CIVITAS DESTINATION si possono sintetizzare nelle seguenti categorie:
Pianificazione della mobilità integrata (Sustainable Urban Mobility Plan – SUMP) sia rispetto alle esigenze dei residenti che ai flussi turistici. Realizzazione di misure per la riqualificazione urbana tramite tecnologie, gestione della domanda e controllo della sosta e degli accessi.
Approccio “Mobility Sharing” per la gestione di servizi di trasporto condiviso (in sharing) che, se opportunamente organizzate, possono aumentare le opzioni di mobilità per i residenti e soprattutto per i turisti in alta stagione o durante i week-end. I servizi si baseranno anche sulla mobilità elettrica sia per le vetture che per le due ruote
Servizi di Logistica urbana che serviranno sia per gestire in modo ottimizzato i processi di distribuzione delle merci in ambito urbano.
Campagne di promozione della mobilità sostenibile rivolte ai turisti, mediante soluzioni definite con i tour operator, quali ad esempio specifici pacchetti hotel-mobilità. Queste misure hanno l’obiettivo di aumentare il numero di turisti senza incrementare il numero di veicoli al seguito che sbarcano sull’isola, riducendo i problemi di congestione stagionale e di vivibilità.
– Trasporto collettivo accessibile, cioè sistemi di gestione del trasporto (es. smart card, app di info-utenza e prenotazione, politiche tariffarie mirate, ecc.) supportati da moderne tecnologie.

 

CONSORZIO CIVITAS DESTINATIONS
Come già anticipato le realtà urbane coinvolte nel progetto CIVITAS DESTINATIONS sono Funchal (Isola di Madeira, Portogallo), Limassol (Cipro), Rethymno (Creta, Grecia), Las Palmas (Baleari, Spagna), Isola d’Elba (Italia) e La valletta (Malta).
Le singole realtà coordinano a loro volta un gruppo di attori locali che a vario titolo possono intervenire nella mobilità e nei trasporti (es. aziende di trasporto, associazioni di categoria, consorzi turistici, etc.)
Oltre alle città, nel consorzio è presente un nucleo di Società di Ingegneria/Consulenza e Università che hanno elaborato la proposta progettuale e realizzeranno le attività orizzontali previste dal piano di lavoro del progetto: Euro Project Consulting (Nantes, FR), Cinesi (Barcellona, ES), ISIS (Roma, IT), MemEx (Livorno, IT), EU Project (Bucarest , Ro), Vectos (London, UK), Università di Chaini (Creta, GR).
Nel progetto sono stati inoltre coinvolti anche due partner cinesi, al fine di favorire la trasferibilità dei risultati anche ad aree diverse da quelle europee.