Quantcast
Prove di accordo fra i sindaci sul contributo di sbarco - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Prove di accordo fra i sindaci sul contributo di sbarco

L'incontro di oggi pomeriggio potrebbe essere decisivo. Le ipotesi in ballo

Prove di accordo fra i sindaci sul contributo di sbarco

Eppure, il sistema per salvare la stagione, andando a recuperare il contributo di sbarco senza perdere ulteriori risorse ma soprattutto rispettando il disposto della nuova legge che lo istituisce, ci deve essere. Su questo stanno lavorando fra loro i sindaci elbani (che si incontrano nuovamente lunedì 14 marzo nel pomeriggio) nel tentativo oltretutto di riacquistare – oltre alla credibilità di fronte all’opinione pubblica – operatività e unità di intenti.
Le voci di corridoio riguardo alle trattative in corso parlano di una ulteriore proposta fatta dai 5 comuni “non di sbarco” a Portoferraio, Campo e Rio Marina, sulla quale molto presto ci sarà una riunione che a questo punto potrebbe essere risolutiva.
Le basi della trattativa riguarderebbero soprattutto la eliminazione del cosiddetto “peso ponderato”: ogni comune dovrebbe valere uno, tranne Portoferraio che vale due, prendendo le decisioni ogni volta a maggioranza, con almeno cinque sindaci d’accordo.

Resterebbero in piedi tutti gli impegni presi da Capoliveri, limitati però ad un importo massimo di circa 500mila euro (e non di un milione e centomila come previsto in precedenza) mantenendo attiva la Gestione Associata della Promozione Turistica.
Facendo qualche conto, e dando per scontato l’introito di 1,50 euro (e con le stesse presenze dello scorso anno) alla GAT andrebbe il 35% (e quindi 520mila euro), ai progetti comprensoriali il 10% (vale a dire 140mila euro) , mentre il restante 55% andrebbe ai Comuni, con una cifra di poco superiore ad 80mila euro ai 7 Comuni “piccoli” e il doppio a Portoferraio.
Dopo aver fissato questo impegno da prendere, la discussione su come procedere per il 2017 verrebbe rinviata a dopo la stagione estiva.
“Conditio sine qua non” per procedere su questa strada, infine, l’approvazione in consiglio comunale da parte di Rio Marina, Campo e Portoferraio della modifica da imposta a contributo di sbarco, e nello stesso tempo la riattivazione da parte di Capoliveri delle vecchie delibere e regolamenti sospesi.
La proposta sarebbe stata vagliata e resa plausibile da tutti i comuni, eccetto Rio Marina, a causa di una momentanea assenza dall’isola da parte del sindaco Renzo Galli.