Quantcast
La proposta di Campo nell’Elba sul contributo di sbarco - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

La proposta di Campo nell’Elba sul contributo di sbarco

Due gestioni associate, Lambardi si propone come capofila. Il dettaglio.

La proposta di Campo nell’Elba sul contributo di sbarco

Una proposta destinata a far discutere. L’ha lanciata l’Amministrazione comunale di Campo nell’Elba, inserendosi in maniera decisa – e spiazzando gli altri sindaci – sulla questione delle modalità di applicazione del contributo di sbarco. Il sindaco Lambardi, in estrema sintesi, propone di dividere in due gestioni associate il tutto: una , quella già in atto per la promozione turistica, ed una seconda  – che diventa automaticamente la principale -dedicata alla gestione del contributo di sbarco,  proponendosi come comune capofila di quest’ultima. Ecco la proposta nel dettaglio.

“La recente normativa che ha introdotto il cosiddetto contributo di sbarco ha la ratio di creare uno strumento nuovo in favore dei Comuni e non di aggiornare o modificare la vecchia tassa di sbarco. Se non si comprende questo principio è inutile discutere di regolamenti o convenzioni, rischiando di approvare delibere non conformi alle Leggi vigenti.
Pertanto, a nostro avviso, è necessario creare un contenitore nuovo che sia funzionale agli obiettivi della legge sul contributo di sbarco di cui la Gestione Associata del Turismo sarà una delle gambe, affiancata dalle nuove tematiche esplicitate dalla legge stessa: ambiente, ciclo rifiuti, polizia municipale e altro.

La nostra proposta in pillole:

• CONTRIBUTO: si propone un contributo di 2,50€ a persona con le esenzioni già identificate nei precedenti regolamenti. Esente il passeggero aereoportuale e le scolaresche in aggiunta rispetto al passato. Gettito ipotizzato 2.462.785,00 €
• NUOVO SOGGETTO: nasce la gestione associata del CONTRIBUTO DI SBARCO di cui Campo nell’Elba si propone come Capofila. Questa Gestione Associata avrà il compito di introitare le risorse derivanti dal contributo di sbarco e ridestinarle ai comparti di seguito descritti.
• COME SI DECIDE: All’interno della nuova Gestione Associata le decisioni vengono adottate secondo queste modalità: il voto di ogni singolo Comune vale in base alla popolazione residente e al numero dei consiglieri assegnati ai rispettivi Consigli. Nel dettaglio:

• Portoferraio • 27,01%
• Campo nell’Elba • 13,76%
• Marciana • 8,66%
• Capoliveri • 12,46%
• Rio nell’Elba • 7,04%
• Porto Azzurro • 12,04%
• Rio Marina • 9,74%
• Marciana Marina • 9,29%

A questo si aggiunge l’obbligo di avere il consenso di almeno 4 Comuni. Quindi: sia la maggioranza derivante dalle percentuali di cui sopra sia almeno la metà dei Comuni elbani.

GESTIONE ASSOCIATA DEL TURISMO: Capoliveri continua ad essere il Comune Capofila della GTA a cui vengono destinate somme che, nella formulazione del Contributo a 2,50€, noi sostanziamo in 1 milione di euro all’anno.

SEDE GTA E NUOVA FUNZIONE: Vista la disponibilità del Comune di Portoferraio di offrire, a titolo gratuito, spazi adeguati per il settore turistico si propone l’utilizzo dell’immobile denominato “La Gattaia”. Uno spazio ben individuabile, moderno, centrale e che aggiungerà alla GTA che abbiamo conosciuto la funzione, con le risorse individuate prima, di primo front office verso i nostri ospiti. Nei prossimi cinque anni, in collaborazione con le Pro Loco dei vari Comuni, sarà utile aprire sedi territoriali della GTA.

• RIPARTIZIONE SOMME AI SINGOLI COMUNI: al netto del milione alla GTA, ai Comuni è destinato un altro milione di € ripartito in 120.000 per i sette Comuni dell’Elba e una quota di 160.000 per Portoferraio in quanto porta di ingresso maggioritaria dell’isola d’Elba. Queste somme saranno gestite dai singoli in base e nel rispetto della normativa attuale.

• LAVORI COMPRENSORIALI: la vera novità sta nell’utilizzare una parte consistente delle somme, i restanti 462.785,00 € (dato 2015), per opere di carattere comprensoriale. Dell’istruttoria, della progettazione e delle gare conseguenti se ne farebbe carico il Comune Capofila, con apposita delega, della nuova “Gestione Associata Contributo di Sbarco”. Come si decidono annualmente le opere da finanziare? Entro il 28 Febbraio di ogni anno ogni Comune può presentare alla Conferenza dei Sindaci i propri progetti con la quantificazione economica e esplicitando i benefici per l’intera collettività elbana. La proposta dovrà essere sottoscritta e sostenuta da almeno la metà dei Comuni e che rappresentino la maggioranza della popolazione residente.
Entro il 31 Marzo di ogni anno, le categorie economiche e sociali possono esprimere il proprio parare consultivo sui progetti approvati dalla Consulta dei Sindaci e proporre nuovi interventi per l’anno a seguire.

L’amministrazione comunale di Campo nell’Elba ritiene che oltre alla spartizione dei denari, di cui abbiamo sentito parlare fin troppo, sia fondamentale dare un respiro comprensoriale a questa nuova imposta che deve configurarsi come un’opportunità per tutto il territorio e non come una semplice gabella da pagare per superare il mare”.