Quantcast
Ferrari: "Legittimi i nostri dubbi sul contributo di sbarco" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Ferrari: “Legittimi i nostri dubbi sul contributo di sbarco”

La riunione con l’ANCIM ha confermato i timori espressi dal sindaco di Portoferraio. “Proporrò tre ipotesi di regolamento e una nuova convenzione”

Ferrari: "Legittimi i nostri dubbi sul contributo di sbarco"

“I miei dubbi sono validi e legittimi” così il sindaco Mario Ferrari al termine della riunione in programma nella mattinata di lunedì 8 febbraio a Roma presso la sede dell’ANCIM sulla nuova normativa che introduce il contributo di sbarco. Dall’incontro sono arrivate conferme sui dubbi espressi dal primo cittadino di Portoferraio nella sua recente presa di posizione riguardante l’applicazione del contributo proposta dalla Gestione Associata per la Promozione Turistica. “Siamo arrivati puntuali, nonostante il problema dei trasporti marittimi dovuto dal maltempo – ha esordito Ferrari – è bene però chiarire che chi doveva delucidarci sull’applicazione del contributo di sbarco non ha potuto approfondire molto, in quanto la nuova normativa è ancora in fase interpretativa. Ci è stato comunque assicurato che a breve verrà fatta chiarezza. Dalla riunione – ribadisce – è emerso che i miei dubbi sono validi e legittimi, ed è per questo, che ho deciso, insieme al vicesindaco Marini presente con me alla riunione e che bene ha illustrato la nostra posizione, di predisporre tre ipotesi di regolamento e una nuova convenzione da sottoporre ai colleghi sindaci. Dal 2 febbraio è in vigore la nuova normativa e in base a questa va adeguata la convenzione fra i comuni ed il regolamento”. Queste ipotesi verranno sottoposte agli altri comuni con uno spirito che il sindaco ha annunciato “collaborativo”, al fine di trovare la completa condivisione almeno su una delle proposte prospettate. “L’obiettivo è quello di rispettare la filosofia ed il principio fissato dalla Legge – ha precisato Ferrari – con particolare attenzione al fatto che l’Isola d’Elba, rispetto alle altre isole minori, per quanto riguarda i rifiuti è compresa in un’ATO. Quindi valutiamo bene come intervenire, ad esempio come fatto lo scorso anno con la pulizia straordinaria delle strade e delle loro pertinenze”. E poi un’ultima chiosa sulla promozione turistica. “Bisogna anche valutare una forma di promozione – ha concluso – che tenga conto di parametri certi nella valutazione dei risultati, consapevoli che prima chiudiamo questa fase e prima l’Elba può avere benefici concreti”. Alla riunione erano presenti oltre ai rappresentanti del Comune di Portoferraio, il sindaco di Rio Elba Claudio De Santi, quello di Rio Marina Renzo Galli e il coordinatore della Gestione associata della promozione turistica Claudio Della Lucia.