Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Via libera al piano di attività dell’autorità portuale regionale

Il Consiglio regionale approva la delibera a maggioranza. Mattei: “Interventi di trasformazione e manutenzione dei porti di Viareggio, Santo Stefano, Marina di Campo e dell’isola del Giglio”. In un triennio risorse disponibili per 14 milioni e 215 mila euro

Via libera al piano di attività dell'autorità portuale regionale

Via libera a maggioranza in aula alla proposta di delibera per l’approvazione del piano delle attività 2015 dell’Autorità portuale regionale e al parere sul bilancio preventivo economico annuale 2015 e pluriennale 2015-2017 dell’Autorità portuale regionale.

“Il piano annuale delle attività – ha detto il presidente della commissione Mobilità e infrastrutture Fabrizio Mattei (Pd) – definisce le attività e le opere che l’Autorità deve realizzare individuando l’ordine di priorità degli interventi”. “Questi interventi – ha aggiunto Mattei – riguardano opere di trasformazione e manutenzione dei porti di Viareggio, S. Stefano, Marina di Campo e dell’isola del Giglio. Si tratta di interventi di adeguamento del nostro sistema portuale. Sottolineo che quest’atto arriva in aula con il voto unanime della settima commissione”.
Gli atti di programmazione riguardanti l’Autorità e che risultano integrati fra loro sono costituiti dal piano della qualità della prestazione organizzativa che definisce gli obiettivi strategici dell’Autorità; dal piano annuale che evidenzia per i porti di Viareggio, S. Stefano, Marina di Campo e dell’isola del Giglio le attività e le opere da realizzare in coerenza con le direttive regionali e gli obiettivi strategici regionali che saranno definiti nel piano della qualità della prestazione organizzativa; il bilancio annuale e pluriennale che evidenzia le risorse disponibili per il raggiungimento degli obiettivi definiti nei suddetti piani.
Riguardo alle risorse, per il 2015 sono disponibili 5 milioni e 140 mila, per il 2016, 5 milioni e 475 mila e per il 2017, 3 milioni e 600 mila, per un totale nel triennio di 14 milioni e 215 mila euro.