LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“È la giunta Lambardi che non pensa alle frazioni di Campo”

La minoranza presenta all'amministrazione l'elenco dettagliato delle noti dolenti

"È la giunta Lambardi che non pensa alle frazioni di Campo"

Abbiamo constatato che la Sua prima giornata di incontri con le frazioni, iniziata ieri sera a San Piero e finalizzata ad attivare una “Campagna di Ascolto” per raccogliere suggerimenti in ordine alle necessità delle frazioni, non ha avuto grande fortuna in termini di partecipazione in quanto erano presenti solamente cinque cittadini.
 Certamente a Suo sfavore ha giocato oltre la mancanza di una comunicazione dell’evento in forma cartacea tradizionale, anche la contemporanea presenza di un importante evento sportivo e tali circostanze non Le hanno consentito di raccogliere le tante indicazioni che certamente sarebbero potute arrivare sulle esigenze di quella frazione.
 Riteniamo però che le segnalazioni che andremo ad elencarle e l’odierno intervento sulla stampa ad opera di Legambiente provvederanno a farLe superare le difficoltà rilevate.
 Iniziamo dall’intervento di Legambiente avente ad oggetto la presenza di una discarica di rifiuti presso il campo sportivo di San Piero. Siamo certi che, grazie agli impegni da Lei pubblicamente assunti il 6 c.m. in Comune nei confronti dei commercianti sul problema dei rifiuti e volti all’adozione di sistemi di video sorveglianza ed all’attivazione di task-force di agenti di polizia municipale, tali incivili episodi saranno gli ultimi che si verificheranno sul nostro territorio. Speriamo che davvero sia così, e che, quanto prima, si provveda a rimuovere quella discarica.
 Ed ora passiamo ad evidenziare le criticità che abbiamo rilevato nel territorio di San Piero:
− Piazzale Belvedere (Facciatoia) – due lampioni sono spenti ed altrettanti danneggiati, le sei luci basse che avrebbero dovuto illuminare lo spazio sottostante il piazzale sono anch’esse spente. La siepe non è stata potata ed è alta oltre misura impedendo la vista del panorama. Infine, un’altalena è fuori uso;
− Museo mineralogico – il tetto è stato danneggiato dal forte vento di fine ottobre ed è ancora da ripristinare;
− Museo del granito – si trova ancora nella “storica” situazione di stallo. Sappiamo che attualmente, dopo la fine della Unione dei Comuni, è passato sotto la competenza della Provincia. Ci sbagliamo o Lei è anche Consigliere provinciale? Ci auguriamo che il Suo ricoprire questa doppia veste (o doppia poltrona) possa essere di aiuto alla conclusione di quest’annosa vicenda;
− Palestra – le ricordiamo che le problematiche relative alla proprietà dell’immobile sono state definite favorevolmente per il Comune di Campo nell’Elba dall’Amministrazione Segnini nell’aprile 2014 e che pertanto non esistono più impedimenti alla sua corretta destinazione coerente con gli scopi per cui fu costruita. E’ Sua intenzione procedere in tal senso?
− Parcheggio Pertici – si presenta in uno stato di assoluto abbandono. Le garantiamo che compromette il Suo più volte declamato “effetto cartolina” di tutta l’area circostante. Ciò in quanto rappresenta la primaria zona di sosta del paese ed è molto utilizzata dai suoi visitatori. Di notte molti lampioni rimangono spenti, l’acqua che scende dalla zona a monte staziona sull’asfalto perché non riesce a defluire nella centrale caditoia che è evidentemente completamente intasata. Dallo scorso giugno sono ancora presenti nel parcheggio quattro brutti pali di legno con dei faretti provvisori utilizzati per un torneo di calcio estivo che non sono stati ancora rimossi;
− Strade – sia gli asfalti interni, che più quelli di accesso al paese non sono stati manutenzionati e risultano sconnessi. I cartelli indicanti la località sono privi della segnaletica regolamentare. Tale situazione è certamente pericolosa per la circolazione dei veicoli e foriera di possibili incidenti stradali;
− Via Badaracchi – è ordinariamente al buio, sebbene sia dotata di impianto di illuminazione. Si accende solo per le grandi occasioni;
− Spogliatoi Campo Sportivo – necessitano di un’urgente manutenzione straordinaria. Ci risulta che sia stato assunto dalla Sua Amministrazione uno specifico impegno di intervento condizionato ai successi sportivi della squadra locale. Risultati sportivi che si stanno concretizzando. Complimenti alla squadra per le vittorie che sta ottenendo sul campo ed auguri a tutti noi per la realizzazione degli impegni assunti;
− Cimitero – abbiamo volutamente lasciato per ultimo questo argomento, sebbene si tratti dell’inadempienza della Sua Amministrazione più grave da noi riscontrata, perché volevamo attrarre su di esso la massima attenzione Sua e di chi ci legge. Ci risulta che attualmente sono disponibili nel cimitero di San Piero soltanto quattro loculi liberi che consentono una modestissima autonomia per le necessità della frazione e dei territori costieri. L’Amministrazione Segnini aveva approvato e finanziato un intervento che avrebbe consentito la realizzazione di 34 nuovi loculi e una ventina di “ossarini” per il superamento dello stato di emergenza. La realizzazione di tale progetto avrebbe consentito di beneficiare di almeno tre anni per porre in essere interventi strutturali più importanti. Ma, ad oggi, la Sua Amministrazione non è stata neppure in grado di disporne l’appalto.
L’Amministrazione Segnini veniva accusata di scarsa sensibilità per le frazioni, mentre ci sembra francamente che sia Lei oggi, pur molto attento in campagna elettorale, ad essere ora “distratto” nel attivare azioni per superare le problematiche delle frazioni come quelle sopra segnalate. Inoltre, non solo ci appare poco attento alla gestione dell’ordinario ma anche poco sensibile a prevedere per San Piero interventi strutturali o progetti di opere pubbliche che, ad esempio, rimuovano l’asfalto nell’interno del paese e lo sostituiscano con granito. Queste non sono chiacchiere ma fatti. Infatti, nel piano triennale delle opere pubbliche approvato dalla Sua maggioranza in Consiglio Comunale si prevede per San Piero solamente un modesto intervento ai Lavatoi, oltretutto alla fine del triennio.
Alessandro Galli Walter Martorella Luisa Moretto Vanno Segnini

Marina di Campo, 19 marzo 2015