Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Scioperano gli insegnanti precari (abilitati) della scuola primaria

"Tagliati fuori dalla riforma". "Dopo anni di onorato servizio, si troveranno disoccupati a partire dal prossimo anno scolastico"

Scioperano gli insegnanti precari (abilitati) della scuola primaria

Riceviamo e pubblichiamo:

“Siamo un bel gruppo di insegnanti abilitati della scuola primaria appartenenti alla seconda fascia di istituto della provincia di Livorno che probabilmente, dopo anni di onorato servizio, si troveranno disoccupati a partire dal prossimo anno scolastico.

La riforma della scuola che è stata presentata qualche giorno fa dal governo ci chiude ogni porta negando ogni diritto alla stabilizzazione senza tenere minimamente in considerazione la sentenza della corte europea che lo scorso novembre ha condannato l’uso reiterato dei contratti a termine laddove esistano posti vacanti e l’obbligo di assumere chi abbia maturato i 36 mesi di servizio.

Aver già accumulato i 36 mesi diventerà una colpa perché chi avrà intenzione di assumerci sarà costretto a versarci un indennizzo per la mancata stabilizzazione e non crediamo che le scuole abbiano voglia e risorse da spendere più del dovuto. Per capirci meglio tra una neo-laureata che non ha mai lavorato e una precaria storica da indennizzare con risorse aggiuntive chi sceglierà il dirigente? Si ripristina infatti la chiamata diretta dei dirigenti (e non più l’assunzione da una graduatoria elaborata tenendo conto di titoli e servizio) e ciò porterà certamente a meccanismi clientelari come già successo in un passato ormai lontano.

Oggi abbiamo deciso di scioperare per dare un segnale forte e far capire a tutti quanto amiamo il nostro lavoro e che siamo pronti a combattere per poterlo fare ancora. Ci scusiamo per il disagio che arrechiamo a colleghe e famiglie ma lo sciopero è una delle poche armi che abbiamo per farci sentire e per ottenere ciò che crediamo ci spetti!

Agujari Anna, Alfano Rosa, Archibusacci Chiara, Avella Maria, Bacci Annalisa, Baldacci Barbara, Bonamici Luisa, Braschi Franca, Brugali Serena, Brugiaferri Natavita, Cappelli Rita, Corsi Barbara, Dore Maria, Messina Daniele, Mezzatesta Maurizio, Palummo Benedetta, Romano Principia, Scali Arianna, Serini Silvia, Terranova Elisabetta, Tognoni Sara.