Quantcast
Una discarica abusiva bonificata da Esa a Portoferraio - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Una discarica abusiva bonificata da Esa a Portoferraio

L'intervento, coordinato dal consigliere comunale Fornino, è avvenuto nel piazzale adibito a parcheggio adiacente a viale Tesei e alla Banca Toscana

Una discarica abusiva bonificata da Esa a Portoferraio

Una vera e propria discarica cittadina. Questo è quanto enerso questa mattina dalla pulizia del piazzale retrostante l’edifizio che ospita la Banca Toscana ed alcuni uffici commerciali in viale Teseo Tesei, a Portoferraio.

L’intervento è stato organizzato dal consigliere comunale Vincenzo Fornino, a sua volta sollecitato dalle giuste segnalazioni di alcuni cittadini. Il piazzale, infatti, è uno spazio sterrato adibito a parcheggio di servizio degli uffici e delle abitazioni della zona, e versa da tempo in stato di completo abbandono, tanto che qualcuno ha pensato di usarlo come un vero e proprio punto di raccolta di rifiuti. Ironia a parte, dall’intervento di ESA, che è arrivata sul posto con un camion dotato di un braccio artigliato e con altri mezzi di trasporto, è emerso di tutto: dai semplici rifiuti urbani di scarto agli sfalci, ai carrelli della Coop abbandonati, fino a materiale di risulta di lavori edilizi.

Lo stato di abbandono e l’erba alta (c’è perfino un canneto) che intanto è cresciuta ai bordi del parcheggio sterrato hanno messo particolarmente in difficoltà gli uomini diESA, che comunque sono riusciti ad ultimare la pulizia  dell’area nella mattinata. “Ci tengo a ringraziare ESA – ha voluto sottolineare Vincenzo Fornino – ed in particolare Roberto manzi per la disponibilità dimostrata. Ora cercheremo di capire chi siano gli utenti abituali di questa zona, perchè evidentemente per ridurla in queste condizioni è probabile che si tratti di qualcuno che vive o bivacca da queste parti”.

Risolto il problema della pulizia, resta ora da affrontare quello del fondo sterrato del parcheggio, pieno di buche e di scalini pericolosi per le auto. Sembra comunque che, vista l’importanza della zona oltre che per questioni di decoro e di pubblica decenza, sia in corso di progettazione un intervento da parte della Amministrazione Comunale.