Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Rossi blocca tutto, l’Elba resta senza stand alla Bit

La campagna Divina Toscana non piace al governatore che la sospende oscurando immagini, film e sito. Il responsabile della gestione associata dell'isola: “Non è un problema, faremo comunque la nostra promozione”

Rossi blocca tutto, l'Elba resta senza stand alla Bit

La Bit di Milano ha appena aperto i battenti ed è già polemica in Regione Toscana. Il presidente Enrico Rossi ha sospeso la Campagna promozionale “Divina Toscana” basata su immagini che lo stesso presidente dichiara taroccate, in cui i paesaggi appaiono artefatti e ritoccati. Il risultato è che lo stand della nostra Regione è bianco e spoglio, senza poster, immagini o filmati e che il sito della campagna è stato oscurato.

“Le polemiche non appartengono a queste giornate di lavoro – ha commentato l’assessore regionale Cristina Scaletti – oggi io sono innanzitutto qui a fianco del sistema turistico toscano per contribuire a dare slancio e forza ad un sistema economico”. Polemiche che comunque non scalfiscono il lavoro progettato dall’Isola d’Elba, presente con il comitato del Bicentenario Napoleonico e con la Gestione Associata del turismo già da questa mattina nello stand toscano con un suo preciso programma. Sarebbe andata comunque avanti con “Divina Toscana” Antonella Giuzio, assessore portoferraiese alla cultura presente alla Bit . “Gli operatori stanno lavorando comunque – ci dice – ma non so come ne usciremo quando gli stands saranno aperti al pubblico. Ritengo che aver sospeso la campagna promozionale sia un errore dal punto di vista della comunicazione. Può piacere o non piacere ma ritengo “Divina Toscana” una campagna condivisibile”. E’ molto più tranquillo Maurizio Goetz, coordinatore della gestione associata per la promozione turistica dell’Elba “Questo per noi non è un problema – ci dice al telefono Goetz – domani mattina abbiamo incontri con la stampa per la presentazione delle celebrazioni napoleoniche, con personaggi in costume. Stiamo lavorando anche insieme al Parco e il nostro punto di riferimento sono le testate giornalistiche e gli incontri di divulgazione e promozione, che non hanno niente a che vedere con lo stand . Il nostro programma, per quanto riguarda la Bit 2014, non viene assolutamente intaccato dalla polemica regionale”.

A.D.