Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

L’allerta meteo persiste fino a domani: Elba in allarme

Il Consorzio di Bonifica Alta Maremma rivendica la maggior parte degli interventi eseguiti sui fossi ieri. Gli operai hanno lavorato fino a notte

L’allerta meteo persiste fino a domani: Elba in allarme

L’allerta meteo che ha fatto trascorrere una notte insonne a molti soprattutto a Marina di Campo non si è ancora esaurita. La sala regionale della Protezione Civile lo ha infatti aggiornato, con le stesse criticità a livello di rischio idraulico, fino alla mezzanotte fra oggi e domani (domenica). Intanto il Consorzio di Bonifica Alta Maremma rivendica la paternità della maggior parte degli interventi effettuati sul territorio in queste ore.

“La giornata di ieri  – dice una nota del Consorzio – è stata davvero complessa per il Consorzio di Bonifica Alta Maremma, l’ondata forte di maltempo ha interessato tutto il bacino di nostra competenza compresa l’Isola D’Elba. Una situazione che si è dimostrata davvero critica già dal primo pomeriggio e che si è poi aggravata nelle ore di maggiore allerta e cioè dalle 21 alle una. I tecnici e gli operai del Consorzio non hanno mai lasciato le postazioni di lavoro, non fino a quando, in piena notte, la situazione è tornata ad essere “gestibile”. Gli operai in serata, più o meno alle ore 20 sono dovuti intervenire a Campo Nell’Elba dove la forte pioggia, il mare grosso ed il vento di scirocco impedivano all’acqua trasportata dal fosso Bovalico di defluire al mare. Con l’ausilio degli escavatori i nostri operai hanno provveduto come prima emergenza ad aprire la foce che il mare aveva ostruito con la sabbia consentendo così all’acqua trasportata dal Bovalico di defluire meglio. Questa mattina, quando l’acqua ha finalmente cessato di abbattersi sull’Isola gli operai del Consorzio sono tornati a Campo nell’Elba per aprire le campate ancora ostruite dalla sabbia; attualmente il nostro personale è in giro a supervisionare e ad individuare eventuali situazioni difficili dove intervenire. A questo proposito hanno ritenuto opportuno anche mettersi a lavoro nella piana di Lacona sul fosso del Pino dove materiali trasportati dall’acqua ed un tronco caduto sul letto del fosso ostruiscono il corretto e rapido deflusso delle acque. La situazione sebbene permanga l’allerta, sembra essere tornata sotto controllo, i livelli dei fossi stanno tornando sotto i limiti di allerta. Il Consorzio Alta Maremma continua il lavoro di monitoraggio e supervisione”.