Quantcast
"Proroga per il tribunale elbano, a giorni il sì al decreto" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“Proroga per il tribunale elbano, a giorni il sì al decreto”

Nonostante le turbolenze politiche e tecniche, dovrebbe ripartire presto l'iter del provvedimento preparato del ministro per ripristinare le sedi di tre isole. L’ex sottosegretario Bosi: "Mi sento di dire che nel governo il consenso c'è"

"Proroga per il tribunale elbano, a giorni il sì al decreto"

Forse il merito va più a Ischia e Lipari, ma anche l’Elba dovrebbe beneficiare della proroga di 5 anni del taglio dei tribunali minori.

La Consulta ha bocciato la proposta referendaria delle Regioni contro la riforma della geografia giudiziaria ma il “salvataggio” – lo abbiamo raccontato ieri – arriva dal governo. Dovrebbe infatti andare in porto in tempi brevi il decreto correttivo preparato dal ministro della Giustizia, Maria Grazia Cancellieri, per ripristinare i tribunali delle tre “grandi” isoli minori: Elba, Ischia e Lipari. Il Guardasigilli ha spedito al Consiglio dei ministri il provvedimento per riaprire il foro di Portoferraio e delle altre due sedi per cinque anni. C’è stato, è vero, un rinvio, determinato da turbolenze politiche e tecniche e dal fatto che senza il ministro (in visita a Mosca) non è stato possibile chiarire alcuni aspetti tecnici che derivano dalla riapertura dei cosiddetti “tribunalini”. E ci sono state anche le perplessità del vicepresidente del Csm, Michele Vietti, ma non dovrebbero condizionare l’esito della vicenda. Secondo le ultimissime notizie trapelate da Roma, infatti, nei prossimi giorni il cammino del decreto dovrebbe ripartire. E questo lo conferma anche l’ex sottosegretario ed ex sindaco di Rio Marina, Francesco Bosi (che peraltro è stato collega di Vietti nel gruppo parlamentare Udc). “Avendo seguito attentamente con i rappresentanti di governo il problema – ha detto Bosi a Tenews – mi sento di dire che la richiesta di riaprire il tribunali delle isole ha trovato il consenso necessario in ambito governativo”.