Quantcast
Morto Ederle, del villaggio turistico Costa dei Gabbiani - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Morto Ederle, del villaggio turistico Costa dei Gabbiani

L'imprenditore era in coma da 24 anni. La sua straordinaria famiglia l'ha assistito con amore fino alla fine. La sua storia incredibile ha commosso

Morto Ederle, del villaggio turistico Costa dei Gabbiani

È stato in coma per 24 anni, dopo essere stato colpito da un ictus nel 1989, quando ne aveva appena 35. Un tempo lunghissimo in cui è rimasto immobile nella sua casa, seguito dalle cure amorevoli dei familiari, e negli ultimi mesi nel Centro di Marzana per persone in stato vegetativo permanente. Un periodo, però, «in cui è riuscito a creare un incrocio di sentimenti, nei tanti che lo conoscevano e gli sono stati vicini, anche con il pensiero». Si è conclusa così la vita terrena di Francesco Ederle, l’imprenditore veronese di 59 anni, fondatore dell’Agriturismo San Mattia, uno dei numerosi esponenti della nota famiglia con proprietà di terreni e immobili sulle Torricelle e in città e titolare fra le altre di un villaggio turistico all’Isola d’Elba, la Tenuta delle Ripalte-Costa dei Gabbiani, di cui pure si era occupato. Ederle lascia la moglie Francesca Morassutti e i figli Giovanni Mattia, di 26 anni, e Camilla, di 24, e numerosi fratelli e nipoti. Tanti amici e i parenti, con il parroco don Luciano Ferrari, martedì hanno dato l’estremo saluto a Ederle nella piccola chiesa di San Mattia, sulle Torricelle. L’area collinare che abbraccia la città e rimanda, da decenni, a quella famiglia.