Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Elezioni in 5 Comuni elbani: ipotesi 25 maggio

Nella tornata amministrativa del 2014 si voterà anche per 203 sindaci toscani. Sette nuovi municipi frutto di fusione. E in base alle nuove norme è prevista una riduzione di 474 assessori e 1.229 consiglieri comunali

Elezioni in 5 Comuni elbani: ipotesi 25 maggio

Sono 203 i Comuni toscani e 5 elbani (Rio nell’Elba, Portoferraio, Capoliveri, Marciana, Campo) che andranno al voto nella tornata elettorale di maggio 2014 (presumibilmente il 25 maggio, insieme alle elezioni europee): tra questi ci sono 3 capoluoghi di provincia: Firenze, Livorno e Prato (le tre città più popolose della regione, rispettivamente con 358.079, 157.052 e 185.456 abitanti). E’ quanto emerge dalle elaborazioni di Anci Toscana. Comuni frutto di fusioni. Tra i Comuni chiamati al voto ce ne saranno anche 7 che sono frutto di fusioni (in questi Comuni dal 1° gennaio 2014 sarà presente un Commissario e il numero dei comuni toscani passerà complessivamente da 287 a 280): Figline-Incisa; Castelfranco Piandiscò; Fabbriche di Vergemoli; Scarperia-San Piero a Sieve; Crespina-Lorenzana; Casciana Terme – Lari; Pratovecchio-Stia. Tra questi, 5 Comuni coinvolti nei processi di fusione anticiperanno il voto rispetto alla scadenza naturale: si tratta di Figline, Lari e Pratovecchio, che sarebbero dovuti andare al voto nel 2016; Crespina, che avrebbe dovuto votare nel 2017 e Scarperia nel 2015.

Commissariamenti e vicesindaci reggenti. Oltre ai Comuni coinvolti nei processi di fusione, ci sono altri 2 Comuni che anticiperanno il voto rispetto alla scadenza naturale: si tratta di Gavorrano (GR) (sarebbe dovuto tornare al voto nel 2018 ma è di nuovo commissariato, per la terza volta dal 2009) e Castiglion Fiorentino (Ar) (il cui sindaco, già decaduto ad aprile 2013, è stato dichiarato ineleggibile con una recente sentenza, e il Comune è attualmente amministrato dal vicesindaco).

Anche i Comuni di Sinalunga (Siena), Aulla (Massa) e Capalbio (Grosseto) – che sarebbero comunque andati al voto nel 2014 – si presenteranno alla tornata elettorale commissariati, per decadenza/dimissioni del sindaco. Altri due Comuni, anch’essi a scadenza naturale nel 2014, si presenteranno alle urne attualmente amministrati da Vicesindaci reggenti: si tratta di Castelfranco di Sotto (Pisa) e Monteriggioni (Siena): il primo per decesso del sindaco e il secondo per decadenza del sindaco, dichiarato incompatibile dal Consiglio comunale.

Turno unico e possibili ballottaggi. Su 203 Comuni chiamati al voto, 168 voteranno con sistema elettorale a turno unico (hanno una popolazione inferiore a 15.000 abitanti), mentre 35 con sistema elettorale a doppio turno. Taglio di assessori e consiglieri. E’ prevista una riduzione consistente del numero di assessori e consiglieri: sulla base della nuova normativa e della conseguente riduzione del 20% del numero di consiglieri e assessori comunali e sulla base del censimento 2011 saranno 474 gli assessori comunali in meno. Sarà pari a 1.229 unità invece il “taglio” dei consiglieri comunali. Tutto questo a norme invariate: sono in esame infatti in parlamento DDL che potrebbero portare novità ulteriori nella composizione degli organi politici comunali.

I sindaci uscenti. Su un totale di 210 sindaci precedentemente eletti, 24 donne e 185 uomini (il dato include anche i sindaci dei comuni che andranno incontro a fusione e che dal 1° gennaio 2014 vedranno la presenza di un commissario, e il deceduto sindaco di Castelfranco di sotto), sono 105 coloro che nel 2014 concluderanno il loro secondo mandato; 104 invece i sindaci che concluderanno il loro primo mandato e che dovranno decidere se ricandidarsi o meno per un secondo mandato.

Dalle elaborazioni di Anci Toscana emerge che negli ultimi 4 anni il 52% dei sindaci che a conclusione di un primo mandato avrebbero potuto candidarsi per il secondo ha scelto di non presentarsi alla competizione elettorale. Si segnala che i sindaci uscenti in Comuni che andranno incontro a fusione, che siano al primo o al secondo mandato, potranno comunque ricandidarsi alla guida del nuovo ente. Tutti i dati sui singoli comuni e le mappe sono disponibili sul sito di Anci Toscana nella sezione Amministrative 2014.