Quantcast
"Scuole alle Ghiaie? La Provincia ci mostri le richieste" - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“Scuole alle Ghiaie? La Provincia ci mostri le richieste”

Il Consiglio comunale di Portoferraio approva all'unanimità una mozione che impegna il sindaco su più fronti: chiedere notizie e documenti al presidente Kutufà, coinvolgere gli altri Comuni, verificare alternative all'ex caserma

"Scuole alle Ghiaie? La Provincia ci mostri le richieste"

Il Consiglio comunale di Portoferraio ha approvato all’unanimità la mozione sulla sede dei licei di Portoferraio.  La mozione impegna il sindaco e la giunta su più fronti:

– a chiedere tempestivamente al presidente della Provincia di Livorno notizie circa l’iter relativo all’utilizzo della ex caserma “Teseo Tesei” a fini scolastici (come previsto dal citato protocollo);
– a chiedere al presidente della Provincia di Livorno tutta la documentazione relativa alla richiesta inviata al governo/ministero per ottenere l’immobile della ex caserma “Teseo Tesei” per fini scolastici;
– a mettere a disposizione dei consiglieri comunali tale documentazione;
– a coinvolgere tutti i Comuni elbani per affrontare il problema della sede del Liceo in ottica comprensoriale, anche alla luce della probabile chiusura dell’Ente Provincia;
– a verificare ogni possibile soluzione logistica anche diversa da quelle fino ad oggi perseguite;
– a considerare prioritario tale impegno coerentemente con le linee guida del programma di mandato approvate dal Consiglio comunale;

La mozione è stata approvata all’unanimità anche se non manca di passaggi critici sull’operato della Provincia. In premessa richiama il documento del personale dell’Isis “Foresi” indirizzato al sindaco e ai consiglieri comunali con il quale si evidenziano le criticità della scuola, con particolare riferimento alla sede. Inoltre considera “che questa amministrazione comunale ha finora operato in collaborazione con la Provincia di Livorno, competente in materia, per affrontare e risolvere temporaneamente i problemi logistici, mettendo a disposizione, con apposito Protocollo d’Intesa, l’uso dei locali di Salita Napoleone” ma prende atto “che, rispetto a tale Protocollo d’Intesa, non si intravvede una soluzione e che dalla Provincia di Livorno non giungono segnali significativi in tal senso”.

Il Consiglio comunale ha dato mandato a due commissioni consiliari (Urbanistica e Sociale) di analizzare la situazione attuale e le proposte per superarla.