Quantcast
Dopo sanità, paesaggio e giustizia l'Elba si unisca per la scuola - Tirreno Elba News
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

Dopo sanità, paesaggio e giustizia l’Elba si unisca per la scuola

di Beppe Tanelli (ex presidente del Parco)

Dopo sanità, paesaggio e giustizia l'Elba si unisca per la scuola

Lunedì passato gli studenti dell’Istituto Foresi sono andati in corteo in Comune e Provincia, per rivendicare un edificio scolastico sicuro e dignitoso (come possiamo accettare che in una scuola vi siano ancora delle coperture di eternit?). L’ex-caserma Teseo Tesei, Concia di Terra e gli ex-Macelli, sono i luoghi “ ipotetici” dove gli studenti liceali del Foresi, dovrebbero nel futuro formarsi, per essere quei cittadini italiani che, a varie responsabilità, saranno gli attore nel lavoro , nella cultura e nella politica di domani. La Scuola, dall’infanzia all’università, con l’ambiente e la ricerca, sono da sempre enfatizzate ed esaltate dalla politica come valori primari, da difendere con idonei investimenti normativi e finanziari, “poiché ad essi è legato il nostro futuro”. E poi, questi valori sono mortificati e trascurati nei fatti. Viviamo momenti economici e civili difficili, che chiamano tutti al risparmio e al “ buon governo”, ne siamo consapevoli, ma è opportuno che la politica, senza tentennamenti, acquisti concrete consapevolezze e faccia scelte strategiche. Viscosità burocratiche, vincoli finanziari, incapacità o cialtronerie tecniche, furbizie ed egoismi politici che sacrificano nel triste interesse di parte il bene comune, possono solo portare , e hanno portato, alla indignazione ed alla rabbia, alla cinica politica urlata, all’antipolitica e all’astensionismo. E’ stato scritto che: “ quando il governo della res pubblica non interessa più la maggioranza dei cittadini la dittatura è alle porte”. L’ Istituto Foresi è l’unico all’Isola d’Elba. E’ la scuola dove i ragazzi di Portoferraio, Rio Elba e Rio Marina, Porto Azzurro e Capoliveri, Campo, Marciana e Marciana Marina che oggi frequentano le elementari e le medie dovranno andare se vogliono proseguire i loro studi scegliendo corsi liceali. In tempi recenti l’Elba si è mobilitata per l’ospedale, per i tralicci, per il tribunale. Non minore attenzione deve essere dedicata agli studenti del Foresi. In molti , ivi compreso tutte le categorie ed organizzazioni produttive, hanno espresso la loro solidarietà agli studenti. Non sono mancate le parole di appoggio , ma è auspicabile che al prossimo Consiglio di Istituto, arrivino dati e fatti circostanziati e concreti. Poche parale, dalle quali si capisca il ruolo avuto dal Demanio, dalla Regione, dalla Provincia e dai Comuni, nel Polo Scolastico delle Ghiaie; le risorse ed i tempi previsti per giungere a soluzione ; le azioni da intraprendere per rimuovere le viscosità burocratiche, le pastoie giuridiche , le inadempienze tecniche e le miopie politiche. Spero che siano in tanti i nonni, i genitori, i fratelli e le sorelle, che in rappresentanza di tutta l’Elba e all’ombra dei loro Gonfaloni comunali, si uniranno agli studenti del Foresi, che lottano insegnando a tanti, dignità e senso civico, affinchè un luogo primario in cui si forma il futuro dell’Elba, sia sicuro e dignitoso.