Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto

“Quel milione di euro buttato via nella piscina cattedrale nel deserto”

Sel di Marciana Marina all'attacco del sindaco su scuola, porto e infrastrutture

"Quel milione di euro buttato via nella piscina cattedrale nel deserto"

Il consiglio comunale dello scorso 12 Novembre non ha portato nessuna novità, o forse si. Il solito Ciumei,e, purtroppo, pochi i presenti. Solo i due coordinatori dei partiti della minoranza, un simpatizzante, il presidente ed il segretario del locale CVMM. Eppure, gli argomenti trattati toccavano vita ed interessi dell’intera comunità marinese: porto, scuola, prima casa, piscina, stato delle finanze comunali,viabilità.

Sul PORTO, i nostri compaesani avrebbero potuto ascoltare dalla viva voce del Sindaco almeno una parte della verità su questo progetto che pure ha alimentato numerosi articoli osannanti ed effimeri: il porto, dato in dirittura d’arrivo, è, dopo ben 6 anni e montagne di nostri soldi spesi in consulenze tecniche e legali, una gigantesca bufala (siamo solo al primissimo passo !); neanche Giunta e Sindaco sanno ancora, per esplicita dichiarazione, quale sarà la configurazione finale del porto stesso; si andrà avanti per tentativi, visto che l’Amministrazione ed il gruppo di progetto non intendono utilizzare le più moderne ed notorie metodologie di simulazione software, molto probabilmente procedendo a cementificazioni ed edificazioni senza sapere quale sarà l’aspetto e l’effetto finale

Si parlava e si è parlato di SCUOLA, altro argomento che avrebbe potuto suscitare l’interesse dei marinesi, considerando che molti di essi, hanno un figlio, un nipote o un parente che frequenta la scuola. Il nostro Sindaco, anche in questo caso, è stato molto vago: in fondo, cosa volete che sia una scuola “nuova” nata già con mille difetti e carenze! La solita solfa: responsabilità di altri, genitori informati e consenzienti riguardo a barriere architettoniche e pericolose carenze, e soluzioni, come l’ascensore, in perenne ……dirittura d’arrivo, ma pur sempre in ritardo rispetto alla imprudente apertura della scuola stessa. A questo proposito, il sindaco ha annunciato che stanno per arrivare i richiesti fondi regionali proprio per l’ascensore: sperando che non sia l’ennesima disinformazione, vogliamo ricordare che, in ogni caso, esisterebbero ed esistevano già, soluzioni più economiche e rapide, quali, ad esempio, montascale mobili di vario tipo.
Su tutta la vicenda, comunque, saremmo molto curiosi di conoscere il parere, che immaginiamo preoccupato, del Responsabile della sicurezza di istituto:proponiamo semplicemente di renderlo pubblico, altro che chiacchiere!

La nostra minoranza, poi, aveva presentato una mozione per assimilare la prima casa, ai fini dell’IMU (o che altro verrà) le abitazioni che molti marinesi hanno dato in comodato d’uso ai figli.
Bene, il nostro Sindaco ha espresso la propria “forzosa” contrarietà , motivandola con la criticità del bilancio comunale.
Ma come, una delle ragioni forti della propaganda per il NO al Comune unico, non era forse stata nella orgogliosa rivendicazione dello stato florido del bilancio comunale marinese ? Cosa è cambiato, nel frattempo? Saremmo proprio curiosi di venirne a conoscenza.

Forse è colpa di tutti i soldi pubblici letteralmente buttati (più di 1 milione di euro!) per la monumentale ed indispensabile “piscina”? Considerato che ancora non è stato presentato alcun piano finanziario di sostenibilità, inutilmente più volte richiesto dalla minoranza, temiamo che la stessa piscina diventi una nuova cattedrale nel deserto simbolo dello spreco di denaro pubblico e monumento all’ambizione politica.

Anche in questo caso, il sindaco ha cercato di convincere l’uditorio, che è stato fatto un grosso affare …..perché, tanto, i soldi che sono stati buttati erano pubblici (!), e, quindi, nella sua testa non nostri: ma saranno certamente nostri quelli che impiegherà per dare un contributo ai coraggiosi che prenderanno in gestione la piscina. La cosa era nata male e procederà peggio.

Ma, tanto, le parole non restano, volano via: sarà per questo senso di auto protezione e di libertà di spararle a più non posso che lo stesso Sindaco si ostina a rifiutare la proposta di registrare le sedute del Consiglio adducendo a giustificazione i costi esagerati (mentre altri comuni con delle spese irrisorie si sono dotati dello stesso sistema: per il nostro Sindaco è sempre vero tutto ed il contrario di tutto, dipende dall’interlocutore ……. Almeno ne facesse veramente bene una, una sola.

A proposito di cose ben fatte….si è parlato anche di VIABILITA’, il sindaco ha assicurato che è, tutto “provvisorio”, tranne i soldi spesi per i lavori stradali (cartellonistica,segnaletica…abbiamo finalmente anche noi una rotonda!) e comunque allo stesso non risulta, per ora, nessuna lamentela. Pare che tutti siano felici.

Concludiamo con una nota, nell’articolo si trova più volte la ripetizione “il sindaco ha detto,il sindaco ha fatto”. Non vorremo che qualcuno possa pensare ad un accanimento nei suoi confronti. In realtà se qualcuno venisse ai consigli si renderebbe conto che, se non ci fosse un problema di numero legale, i consigli si potrebbero svolgere anche solo col sindaco, visto che molto raramente gli assessori possono tentare di parlare (prontamente zittiti dal nostro) anche degli argomenti di cui hanno delega. Tra l’altro il Sindaco (si, sempre lui) continua a mantenere la figura di presidente del consiglio, cosa abbastanza irrituale, ma che ci fornisce anche l’idea di quale sia la situazione all’interno dell’amministrazione. Comunque, se nessuno si lamenta…… vuol dire che tutto va bene!

SEL Marciana Marina